calcio
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – “Nelle comunicazioni al pubblico degli eventi non possono essere effettuati dal licenziatario, in alcun caso e sotto alcuna forma, interazioni con attività di scommesse sportive, né possono essere visualizzate attività o risultati di attività collegate a tali scommesse sportive”.

E’ quanto si legge nel bollettino settimanale dell’Agcm (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) in riferimento ai diritti televisivi della Lega Calcio di Serie A per i campionati dei prossimi tre anni (2018-2019; 2019-2020; 2020-2021) per quel che concerne gli obblighi editoriali e in materia di pubblicità.

Commenta su Facebook