“Nel Decreto Dignità c’è un messaggio importante sulle limitazioni alla pubblicità di quello che io chiamo gioco d’azzardo legalizzato, anche se ce’è anche qui il problema della soluzione scelta. Va bene combattere il problema, ma non è sufficiente. Se bastasse vietare la pubblicità per risolvere il problema della ludopatia sarebbe bello, ma purtroppo non è così. Serve più coraggio”.

E’ quanto ha dichiarato l’ex ministro dell’Interno Roberto Maroni in un’intervista a Libero in merito alle misure contenute nel Decreto Dignità. “La ludopatia va prevenuta. Come? Copiando dai Paesi più avanzati. Ci sono nazioni europee che confinano le macchinette in sale da gioco specializzate, dove puoi giocare e dove sono presenti esperti e psicologi che, in caso di bisogno, certificano il problema e impediscono al soggetto di entrare in quei luoghi. Ma se le slot sono nei bar e nei locali, non puoi mica impedire a chi soffre di luodpatia di entrarci. Mi auguro che anche questa parte della legge venga fortemente modificata in Parlamento”, ha concluso Maroni.

Commenta su Facebook