ippica
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – “Siamo arrivati a maggio ed ancora le società di corse non hanno un contratto con il Ministero che consenta loro di poter svolgere l’attività e non conoscono nemmeno le sovvenzioni che dovranno ricevere.

A questi gravissimi problemi si aggiunge anche il fatto che a tutt’oggi non si conoscono nemmeno le giornate di corse che ogni ippodromo dovrà organizzare nel corso del corrente anno ed il relativo montepremi. La situazione e’ sempre più grave come dimostrato anche dalla continua progressiva chiusura di ippodromi e dal silenzio assordante delle istituzioni”.

Coordinamento Ippodromi
Attilio D’Alesio

Commenta su Facebook