La pandemia COVID-19 ha avuto un impatto dirompente sugli sport in tutto il mondo e, per correlazione, il settore delle scommesse si trova ad affrontare sfide senza precedenti. La Malta Gaming Authority comprende che è ben lungi dall’essere un business come al solito per gli operatori di questo settore e sta quindi aumentando il raggio d’azione del settore come mezzo per stabilire le aspettative normative in questi tempi turbolenti.

La maggior parte degli eventi sportivi si è fermata completamente, così come i mercati delle scommesse. Ciò stimolerà naturalmente l’interesse degli operatori di scommesse a cercare altrove, comprese le scommesse su eventi con profili di rischio diversi da quelli offerti tradizionalmente. Ciò include le scommesse su eventi sportivi che non si svolgono allo stesso livello professionale degli eventi sportivi più tradizionali in cui le scommesse sono normalmente offerte, inclusi ma non limitati a sport dilettantistici o minori.

Quello degli eSports è uno di questi mercati di scommesse che può vedere un notevole impulso durante questi periodi. Perfino gli sport tradizionali e i loro rispettivi organi di governo hanno fatto ricorso agli eSport, con alcuni che già ospitano in digitale versioni simulate dei loro eventi. Proprio come altri sport, gli eSports hanno vari livelli di tornei professionali, semi-professionali e amatoriali, e mentre molti eventi di eSports sono organizzati in modo altamente professionale, altri no. E in un nuovo settore come quello degli eSports, questa distinzione potrebbe non essere facile da fare.

Al fine di salvaguardare l’integrità di tali eventi e avvertire gli operatori di scommesse dei rischi connessi, l’Autorità di gioco di Malta raccomanda pertanto quanto segue:

Gli operatori dovrebbero considerare che tutti gli eventi di eSports sono ora in esecuzione online e quindi privi dei controlli di integrità standard eseguiti durante gli eventi.

Gli operatori dovrebbero assicurarsi che le partite non siano preregistrate e le squadre di rischio dovrebbero essere consapevoli del fatto che le partite eSports non vengono sempre trasmesse in tempo reale e che c’è spesso un ritardo prestabilito tra la partita effettiva e la trasmissione pubblica.

Gli operatori dovrebbero assicurarsi che i clienti comprendano la distinzione tra sport e sport virtuali, per cui il risultato di quest’ultimo è determinato da un generatore di numeri casuali.

Gli operatori dovrebbero verificare se i tornei beneficiano di controlli di integrità e se i partecipanti sono professionisti o meno, al momento di decidere quali mercati di scommesse offrire.

Gli operatori dovrebbero richiedere informazioni sui partecipanti / funzionari coinvolti negli eventi di eSports dagli organizzatori di tornei comunicativi o da informazioni disponibili al pubblico.

Gli operatori dovrebbero mantenere l’integrità delle scommesse e i controlli delle frodi, incluso assicurarsi che i partecipanti / funzionari coinvolti negli eventi di eSport non stiano scommettendo.

Gli organizzatori del torneo, le emittenti e gli organi di governo dello sport (SGB) dovrebbero rivedere qualsiasi politica riguardante l’uso improprio delle informazioni privilegiate in modo da includere anche tutti i partecipanti o funzionari coinvolti nei loro eventi di eSport.

Qualsiasi attività di scommessa sospetta deve essere segnalata al regolatore del gioco d’azzardo.

Qualsiasi altra attività sospetta (non relativa alle scommesse) pertinente a un evento eSports deve essere segnalata al corrispondente SGB e/o all’organizzatore dell’evento.