L’autorità per i giochi online francese ha pubblicato i dati relativi al primo trimestre 2020, dal 1° gennaio al 31 marzo 2020. Nel report vengono considerati solo i conti di giocatori attivi (CJA), vale a dire quelli i cui giocatori hanno effettuato almeno un’azione di gioco nel periodo. L’attività dei giochi online è stata caratterizzata da un forte aumento della raccolta di gioco (PBJ) nel primo trimestre del 2020, influenzata, in diversa misura, dalla crisi di Covid-19, evidente soprattutto nelle ultime due settimane del trimestre.

1T Francia online

Il pieno effetto della crisi sanitaria può essere veramente apprezzato solo nei dati consolidati per il secondo trimestre, nonché per i trimestri successivi. Nella prima metà del 2020, le entrate lorde da giochi combinate sono aumentate del 22% per raggiungere 435 milioni di euro. Il peso dell’attività di scommesse sportive nel fatturato dell’intero mercato è diminuito di 2 punti ed è passato dal 62% nel 1° trimestre 2019 al 60% nel 1° trimestre 2020. D’altra parte, l’attività di poker rappresenta questo trimestre il 23% del fatturato totale del mercato, rispetto al 19% dell’anno scorso nello stesso periodo, anche il volume dei conti dei giocatori attivi è in aumento. Quasi 2,6 milioni di account di giocatori erano attivi in questo trimestre in una o più attività di gioco online, con un aumento del 17% rispetto all’anno precedente.

Scommesse sportive

La posta in gioco sostenuta dagli scommettitori francesi nelle competizioni sportive nel primo trimestre del 2020 è stata di 1.220 milioni di euro. Tale importo è in calo del 4% rispetto al primo trimestre del 2019. Non è stato mai osservato un calo della posta in gioco in un trimestre da quasi 9 anni. È spiegato dalla riduzione dell’offerta di scommesse causata dalle cancellazioni delle competizioni dal mese di marzo. Di conseguenza, le scommesse settoriali sono diminuite del 40% a marzo, mentre sono aumentate dell’11% nei primi due mesi del trimestre. Il turnover del settore registra una variazione inversa della posta in gioco. È ammontato a 263 milioni di euro, l’importo più elevato registrato in un trimestre dall’apertura del mercato nel 2010. È aumentato del 18% rispetto al primo trimestre del 2019. Questo aumento è spiegato dai risultati su competizioni calcistiche molto favorevoli agli operatori. Tuttavia, l’incremento di PBJ è stato influenzato anche dall’attività nelle ultime settimane del trimestre. Alla fine di febbraio, il PBJ del trimestre è aumentato del 48%, mentre la media settimanale degli account dei giocatori attivi è aumentata, ma a un ritmo che ha tuttavia rallentato notevolmente. Pertanto, è passato da 655.000 nel 1° trimestre 2019 a 670.000 in questo trimestre, con un incremento del 2%. La media, tuttavia, maschera differenze significative di attività. Nelle ultime due settimane del trimestre, segnate dalla sospensione delle competizioni, solo 220.000 giocatori erano attivi nell’attività. L’attività di scommesse sportive è influenzata anche dalla rete fisica. In effetti, il DFG registra un calo del 18% della posta in gioco nel primo trimestre del 2020.

Scommesse ippiche

A seguito della sospensione degli eventi ippici francesi decisa dalle società di corse il 17 marzo, il calendario delle corse ippiche per le scommesse supporta solo gare straniere. Tuttavia, le corse francesi di solito generano quasi il 90% delle puntate dell’attività. Il Ministero dell’Agricoltura ha aggiunto numerose gare internazionali all’elenco degli eventi ippici per mantenere gli scommettitori in attività. Alla fine, le scommesse del trimestre nelle scommesse ippiche online hanno raggiunto i 300 milioni di euro, il valore più alto registrato in un trimestre in 7 anni di attività. Le scommesse sono aumentate del 10%, il che corrisponde a un tasso di crescita leggermente superiore a quello registrato nel 2019 o nel trimestre precedente (+ 5% e + 7% rispettivamente). Anche le vendite del segmento hanno raggiunto il livello più alto in questo trimestre. È ammontato a 74 milioni di euro ed è aumentato del 10%, nelle stesse proporzioni della posta in gioco. La media settimanale per CJA, invece, è leggermente diminuita a 153.000 (-0,5%). Tuttavia, questo calo è stato più significativo nelle ultime due settimane del trimestre, quando erano attivi solo 126.000 giocatori.

Poker

Lo slancio di crescita del poker, che è in aumento dal 2017, ha subito un’accelerazione significativa durante questo trimestre. Pertanto, il PBJ generato nell’attività ha raggiunto 98 milioni di euro, con un incremento del 44% rispetto al primo trimestre del 2019. Questo è il maggior volume di fatturato in un trimestre mai registrato, ma anche il più forte aumento del fatturato registrato in un trimestre. La crescita del trimestre è chiaramente influenzata dall’applicazione di misure di contenimento per il Covid-19. In effetti, l’attività dei giocatori nelle ultime due settimane del trimestre ha generato quasi il 30% del fatturato per l’intero periodo, mentre il segmento del poker è stato anche quello che ha registrato il più grande aumento settimanale di giocatori attivi. In effetti, una media di 374.000 giocatori hanno partecipato ai giochi di poker ogni settimana rispetto ai 273.000 dell’anno scorso nel periodo, con un aumento del 37%.