Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) “Regolamento e la dipendenza: strategie, sfide, prospettive” è il titolo del convegno organizzato da ARJEL, il regolatore per il gioco d’azzardo online, che si sta tenendo in questo ore a Parigi.

Ad aprire i lavori Chales Coppolani, presidente dell’autorità francese, che ha ricordato come nelal regolamentazione dell’offerta si possa conciliare la tutela del giocatore e gli interessi economici.

Coppolani ha parlato di 200.000 giocatori con problemi di gioco compulsivo e di almeno un milioni a rischio nel breve e medio termine. Il contrasto al fenomeno del gioco patologico- ha detto- resta una priorità. . E’ un problema di salute pubblica ma anche di immagine del settore. “Abbiamo la necessità di rivedere l’offerta di gioco legale- ha aggiunto- per renderla più attraente”, spiegando come il settore del gioco legale stia ancora subendo l’attacco di quello illegale. “Abbiamo però anche la necessità di rivedere l’offerta valutando il livello di rischio di ogni gioco” ha detto “Il regolatore deve poter contare su due alleati: l’operatore e la ricerca scientifica. La ricerca gioca un ruolo fondamentale ma non meno importante è la questione del profilo dell’offerta”.

Commenta su Facebook