Sono molti e ben diversificati gli impegni riferiti al settore del gioco che l’Agenzia delle Accise, Dogane e Monoli mira ad assicurare nell’ambito della convenzione stipulata con il Ministero dell’Economia e delle Finanze per gli esercizi 2021-2023.

Nel documento si legge: “L’Agenzia si impegna ad adottare le soluzioni tecniche e organizzative più idonee ad assicurare il conseguimento dei seguenti obiettivi strategici: contrastare l’evasione, assicurare la legalità negli ambiti di competenza e concorrere alla sicurezza e alla tutela dei cittadini e degli operatori economici, da un lato, presidiando la legalità a protezione dei cittadini e degli operatori economici tenuto conto del contesto emergenziale derivante dalla diffusione dell’epidemia da Covid-19 e, dall’altro, ottimizzando l’efficacia dei controlli. Più in dettaglio, l’Agenzia, si impegna ad assicurare: (…) lo sviluppo del sistema di monitoraggio dell’offerta di gioco legale, il Registro Unico degli operatori del gioco pubblico e l’integrazione con i sistemi delle altre Autorità coinvolte; ciò al fine di verificare l’andamento dei volumi di gioco e la relativa distribuzione sul territorio nazionale, con particolare attenzione alle aree più soggette al rischio di concentrazione di giocatori affetti dal disturbo da gioco d’azzardo; il rafforzamento delle attività di contrasto e repressione del gioco illegale, tramite il coinvolgimento del Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale (Co.Pre.Gi.), anche attraverso l’utilizzo delle operazioni di gioco di cui all’art. 29 del decreto-legge 26 ottobre 2019, n. 124, e lo sviluppo di banche dati qualitative in grado di fornire indici di rischio degli operatori e consolidando la collaborazione con le istituzioni competenti in materia di antiriciclaggio e flussi finanziari; il rafforzamento dell’attività di controllo sul divieto di gioco ai minori, anche in cooperazione con le Forze dell’ordine, con particolare riferimento al controllo sugli ingressi negli esercizi e sugli apparecchi muniti di meccanismi idonei ad impedire ai minori di età l’accesso al gioco, quali il corretto funzionamento di quello finalizzato all’utilizzo della tessera sanitaria”.

L’Agenzia punta poi a “sostenere la crescita e la competitività del paese, migliorare la qualità dei servizi resi e favorire la compliance dei contribuenti attraverso: (…) il supporto tecnico necessario al Governo per la regolamentazione del settore dei giochi, anche attraverso la conoscenza delle abitudini di gioco della popolazione, al fine di efficientare e razionalizzare gli strumenti di contrasto al gioco patologico e aumentare il livello di sicurezza e le possibilità di controllo della rete del gioco pubblico anche on line; la promozione di attività di studio e analisi per la formulazione di proposte normative e il contributo alla realizzazione di una riforma complessiva del gioco pubblico in modo da assicurare, ad invarianza di gettito erariale, l’eliminazione dei rischi connessi al disturbo da gioco d’azzardo, contrastare il gioco illegale e le frodi a danno dell’erario”.

Adm mira anche “a gestire i flussi finanziari relativi alla gestione dei giochi utilizzando le contabilità speciali istituite presso la tesoreria statale. Per quanto riguarda i giochi non ricompresi nelle contabilità speciali intestate all’Agenzia delle dogane e dei monopoli, la gestione avverrà utilizzando le ordinarie procedure di spesa”.

Inoltre: “L’Agenzia, su richiesta del Ministero, assicura la propria collaborazione ai fini della predisposizione dei provvedimenti di legge, dei regolamenti in materia tributaria, di giochi e tabacchi nonché delle istruttorie alle interrogazioni parlamentari ed ai ricorsi presentati ai vari organismi giurisdizionali, anche nel settore della fiscalità internazionale. (…) L’attività dell’Agenzia risulterà fortemente condizionata dall’andamento del commercio estero, della produzione e consumo dei prodotti sottoposti ad accisa, nonché dall’evoluzione del settore giochi“.

1 I dati riportati sono a legislazione vigente e, pertanto ad oggi non sono stati modificati. Tuttavia va segnalato che l’emergenza epidemiologica da Covid-19 e i connessi impatti sul contesto economico-sociale e sulla capacità operativa dell’Agenzia, nonché le misure adottate dal Governo per mitigare gli effetti della pandemia e rilanciare il Paese non potranno non determinare impatti significativi sulle previsioni di gettito ivi riportate.

E ancora: “Per l’anno 2021 permane l’esigenza strategica di perfezionare l‘integrazione operativa e tecnologica dei settori dogane, accise, tabacchi e giochi. (…)

Nel triennio 2021-2023 l’Agenzia perseguirà le strategie in materia di formazione mirando a valorizzare le competenze e le professionalità di dirigenti e funzionari chiave dell’Agenzia attraverso interventi formativi: nelle materie di core business (dogane, accise, giochi, tabacchi e antifrode) al fine di potenziare le capacità tecniche/professionali e sulle procedure doganali, per garantire la semplificazione degli adempimenti degli operatori (ONCE, FULL DIGITAL, ecc.). (…) Proseguirà poi la somministrazione di corsi specialistici in lingua inglese (ma anche francese e spagnolo) rivolti al personale che partecipa in rappresentanza dell’Agenzia ad attività internazionali (gemellaggi, riunioni, programmi DOGANE/FISCALIS, visite di studio, ecc.) e saranno sviluppati percorsi formativi con altre autorità pubbliche nazionali ed europee (agenzie fiscali, forze di polizia, ecc.) volti a potenziare le sinergie operative in ambito di contrasto alle frodi, evasione fiscale, riciclaggio, gioco illegale e tutela dei minori, contraffazione, traffico illecito di armi, droga, rifiuti, alimenti e farmaci non rispondenti alla normativa sanitaria vigente. (…) Saranno, altresì, pianificate attività rivolte al personale che si occupa di gestione e analisi delle banche dati dell’Agenzia (antifrode, personale, formazione, giochi, ecc.), finalizzate a formare il predetto personale sull’utilizzo di software per l’elaborazione dei dati e per analisi statistiche avanzate. (…)

Nel Piano pluriennale degli investimenti per il triennio 2021-2023, redatto in conformità all’art. 70, comma 6, del D.lgs. 300/1999 e dall’art. 5 del Regolamento di contabilità, viene fornita una rappresentazione degli investimenti corrispondenti alle attività progettuali che l’Agenzia intende mettere in atto. Il Piano 2021-2023 è stato elaborato tenendo conto delle linee strategiche 2021-2023, nonché sulla base delle esigenze di automazione e sviluppo dei servizi informatici e di potenziamento della struttura che connotano l’attività dell’Agenzia.
Le attività progettuali sono articolate in due macroaree e, per ciascun progetto vengono descritti gli interventi specifici da realizzare, le finalità, i benefici, i risultati attesi e i relativi costi previsti per il triennio. La previsione di spesa costituisce limite di impegno solo per il 2021 in quanto, per i due anni successivi, i dati indicati nel Piano devono essere intesi come proiezioni variabili in funzione del grado di realizzazione degli interventi pianificati e delle risorse che si renderanno effettivamente disponibili nei corrispondenti esercizi finanziari. La prima macroarea, “Evoluzione del sistema informativo (ICT)”, raggruppa le attività progettuali a contenuto ICT tramite le quali l’Agenzia mira sia all’adeguamento dei servizi forniti alle evoluzioni normative unionali e nazionali, sia all’innovazione dei processi amministrativi, in modo da rendere più efficace ed efficiente l’azione dell’Agenzia stessa. Inoltre, gli interventi individuati puntano a favorire la definizione di soluzioni integrate tra le diverse applicazioni informatiche, per migliorare la qualità complessiva del servizio telematico. Rientrano tra questi interventi quelli inerenti all’innovazione del patrimonio informativo, al fine di sviluppare ulteriormente la digitalizzazione dei processi doganali, migliorare la comunicazione istituzionale, incrementare l’efficienza interna, ottimizzare i costi di gestione del personale. Sono, inoltre, comprese le attività inerenti all’innovazione e allo sviluppo del sistema informatico di ausilio alle attività istituzionali in materia di giochi e di tabacchi, nonché quelle finalizzate a potenziare i servizi on-line di comunicazione e supporto agli utenti interni ed esterni e a ottimizzare i servizi e i costi di gestione del personale. (…)

Progetti per l’evoluzione del sistema informativo (ICT)

Rientrano in questa tipologia le attività progettuali finalizzate a:

 sviluppare i sistemi informatici infrastrutturali dell’Agenzia (Digitalizzazione porti, Sistemi di gestione energie e alcoli, Sistema informativo doganale IT, Sistema informativo doganale UE);

 potenziare i sistemi di informazione e di comunicazione con gli utenti esterni (Sistemi e servizi on-line);

 realizzare strumenti informatici a supporto delle attività istituzionali (Sistemi di supporto; Altri servizi laboratori e SAISA; Progetti unionali; Strumenti di BI e data analytics);

 acquisire strumentazioni e apparecchiature connesse con lo sviluppo del sistema informatico e lo sviluppo di soluzioni WEB (Gestione ed evoluzione infrastruttura, Telecamere e videosorveglianza, Progetto Qualitalia);

potenziare i sistemi informatici preposti all’esercizio delle funzioni istituzionali in materia di giochi e di tabacchi (Sistemi dei controlli per Giochi e Tabacchi; Sistemi di supporto per Giochi e Tabacchi; Sistemi e servizi telematici apparecchi, giochi numerici, lotterie e bingo; Sistemi e servizi telematici giochi sportivi, ippici, skill games e GAD; Sistemi Tabacchi)“.

Infine: “Per l’esercizio dell’attività di verifica l’Agenzia si impegna a fornire, con appositi paragrafi in seno alla relazione esplicativa di cui al paragrafo 3.2. ovvero con distinte relazioni ulteriori informazioni sull’andamento dei processi/procedimenti aziendali. In particolare: (…) attività svolta in materia di giochi pubblici, con particolare riguardo al contrasto al gioco minorile; attività svolta in materia di razionalizzazione territoriale della rete di raccolta del gioco. (…)”.

ASI 1 – SOSTENERE LA CRESCITA E LA COMPETITIVITA’ DEL PAESE, MIGLIORARE LA QUALITA’ DEI SERVIZI RESI E FAVORIRE LA COMPLIANCE DEI CONTRIBUENTI

ASI 2 – CONTRASTARE L’EVASIONE, ASSICURARE LA LEGALITA’ NEGLI AMBITI DI COMPETENZA E CONCORRERE ALA SICUREZZA E ALLA TUTELA DEI CITTADINI E DEGLI OPERATORI ECONOMICI

Per scaricare il testo integrale clicca qui.