I funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli (ADM), in servizio presso l’Ufficio dei Monopoli (UM) di Palermo, nell’ambito del servizio coordinato dei controlli in materia di giochi, hanno effettuato, presso vari centri scommesse, una vasta attività di verifica in collaborazione con le forze dell’ordine.

Nel corso di distinte operazioni sono stati eseguiti, nella città di Palermo, numerosi sequestri limitatamente a personal computer, slot machine, apparecchi videogioco ed elevate sanzioni amministrative per un ammontare di 130.000 euro.

In provincia, sono stati controllati alcuni centri trasmissione dati (CTD) risultati privi delle prescritte autorizzazioni e riscontrate violazioni relative al gioco di azzardo patologico (G.A.P.) per le quali sono state comminate sanzioni amministrative per complessivi 220.000 euro.

I controlli eseguiti nel territorio hanno consentito l’esecutività di avvisi di accertamento, per un importo di circa 300.000 euro, relativamente all’imposta unica sulle scommesse, all’imposta sugli intrattenimenti (ISI) e al prelievo unico erariale, previsto per gli apparecchi collegati in rete che erogano vincite in denaro.