La Polizia Municipale di Aosta ha contestato 3.500 euro di sanzioni per violazioni al Regolamento del Comune di Aosta e alla Legge regionale sul contrasto al gioco d’azzardo.

I dati – a chiederne conto è stata un’interrogazione firmata dai tre eletti in quota Rete civica – sono stati spiegati in Consiglio comunale dalla Vicesindaca del Capoluogo Antonella Marcoz.

Advertisement

Nel presentare l’iniziativa Gianpaolo Fedi chiedeva: “Quanti controlli ha effettuato la Polizia locale in esercizi che potenzialmente possono avere ancora le slot machines? Quante eventuali sanzioni sono state comminate in questo periodo, fino al 15 gennaio, e per quale somma complessiva?”.

La Vicesindaca illustra i dati: “Dai controlli effettuati è emerso un locale sanzionato per 500 euro perché ha violato il Regolamento comunale non rispettando gli orari di spegnimento delle macchinette, e un altro esercizio sanzionato per 1000 euro per la violazione della Legge regionale. A questi si aggiunge un altro locale ancora che per una violazione reiterata della Legge regionale ha visto la sanzione raddoppiata, essendo già stato multato in passato per mille euro ora è stata comminata un’ammenda di 2000 euro”.

Soddisfatto Fedi, che però chiede di tenere l’attenzione ancora più alta: “Servirebbero controlli immediati dopo le sanzioni – spiega il consigliere – per capire il locale si è messo a norma. Uno non vuole accanirsi, ma le macchinette non devono rimanere accese oltre gli orari stabiliti. Vorrei che i controlli fossero ripetuti anche dopo le multe, perché qui stiamo denunciando una cosa grave”.