scuola

(Jamma) – La scuola è il contesto privilegiato per realizzare interventi di promozione di stili di vita sani e di prevenzione dei comportamenti a rischio, tra cui quelli riferiti al gioco d’azzardo.

E’ quanto emerge dall’ultima ricerca sui consumi di gioco d’azzardo del Consiglio Nazionale delle Ricerche.

Ad oggi a livello nazionale oltre la metà dei dirigenti scolastici (57,8%) riferisce l’esistenza di un Piano Provinciale (13,8%), Regionale (29,4%) o Locale (14,7) sulla prevenzione in materia di alcol, tabacco, sostanze illegali e gioco d’azzardo. Nel 2017, poco più di un quarto degli istituti scolastici (25,9%) ha previsto di realizzare specifiche “giornate” di studio o attività interamente dedicate alla prevenzione del gioco d’azzardo.

La quota di istituti scolastici che hanno avviato attività specifiche di prevenzione al gioco risulta leggermente in calo rispetto al 2016 (27%), ma comunque in crescita rispetto al 3% registrato nel 2008. Nel 2017 quasi il 30% delle scuole è collocato nelle immediate vicinanze (meno di 200 metri) di esercizi presso i quali è possibile giocare denaro e/o fare scommesse.

All’aumentare del numero di istituti scolastici che hanno avviato progetti/attività di
prevenzione in questo ambito, corrisponde una tendenza alla diminuzione delle prevalenze degli studenti giocatori a rischio e problematici. Relativamente alla programmazione e
progettazione di attività di prevenzione, un aspetto particolarmente importante riguarda
quanto gli studenti italiani percepiscono essere rischioso giocare d’azzardo.

I giochi considerati più rischiosi sono Videolottery/slot machine: il 56,8% degli studenti ritiene infatti che giocarci spesso possa risultare economicamente molto/moltissimo rischioso. Al secondo posto si colloca il Poker texano, percepito come molto/moltissimo rischioso dal 52,6% degli studenti. I giochi verso cui gli studenti tendono ad avere una percezione del rischio più bassa sono invece i Gratta&Vinci. Sono infatti il 23,7% gli studenti che ritengono economicamente molto/moltissimo rischioso giocare spesso al Gratta&Vinci.

Commenta su Facebook