slot

“A luglio la Cisl di Fano inviò un comunicato stampa ricordando la drammatica situazione del gioco d’azzardo (…). Aspettavamo un risposta dai sindaci che con coraggio avrebbero potuto dare un immediato segnale di contrasto ma niente di tutto ciò è accaduto. A fine agosto abbiamo inviato tramite pec una lettera ai primi cittadini con le richieste che nuovamente esplichiamo:

adottare immediatamente il dispositivo (basta una semplice determina) che interrompe le slot dalle 12 alle 14 e dalle 18 alle 20 come fatto dal comune di Bergamo e da altri comuni italiani; definire regolamenti uniformi nei comuni dell’ATS 6 e 7 per contrastare l diffusione delle slot sale gioco e rivendite; predisporre una costante e incisiva campagna di informazione rivolta ai cittadini per educare a comportamenti ludici corretti; rafforzare i controlli nelle sale slot e sale gioco al fine di verificare l’età dei giocatori al loro interno.

Nessuna risposta. Nemmeno la cortesia di inviare una email di riscontro.

Tutto tace e si ha l’impressione che il contrasto al gioco d’azzardo non è una priorità per i nostri sindaci che nei loro compiti istituzionali hanno il dovere di tutelare la salute pubblica…

Aspettiamo pazientemente certi che a breve ci saranno le prime ordinanza seguite dai regolamenti che contrasteranno il gioco d’azzardo. Attendiamo fiduciosi!”.

Cisl Fano

Commenta su Facebook