Continuano i controlli della Polizia Municipale per verificare il rispetto delle disposizioni contenute nel DPCM del 24 ottobre scorso e nell’Ordinanza emessa, lo stesso giorno, dal Presidente della Regione Siciliana che al fine di contrastare la diffusione del COVID-19, hanno stabilito regole ancora più restrittive alle quali devono attenersi tutti i cittadini e i titolari delle attività commerciali.

Durante i sopralluoghi, le pattuglie della Polizia Commerciale hanno proceduto a verbalizzare e chiudere provvisoriamente 3 attività commerciali per inottemperanza alla chiusura imposta dalle disposizioni nazionali in relazione al settore merceologico di appartenenza. E così, sono stati sanzionati, con un verbale di 400,00 euro e la chiusura di 5 giorni, 2 centri scommesse, perché in piena attività, malgrado il divieto, con la presenza di clienti intenti a fare scommesse.

Stessa sorte è toccata a un’associazione culturale, in quanto svolgeva attività di casa da gioco, con somministrazione di alimenti e bevande anche nei confronti di avventori non registrati nel libro dei soci. Per tale motivo, oltre al verbale di 400,00 euro e alla chiusura provvisoria di 5 giorni, sono stati contestati al titolare i verbali per mancanza di SCIA amministrativa e DIA sanitaria, per un importo complessivo di 8.100,00 euro.