casinò
Print Friendly, PDF & Email

Nella giornata di ieri, il Tribunale di Aosta, ritenendo insuperabile l’impedimento formale rappresentato dalla mancata approvazione e dal mancato deposito del bilancio di esercizio 2017, ha dichiarato inammissibile la domanda di concordato depositata dalla società lo scorso 31 ottobre 2018; con il medesimo provvedimento, il Tribunale ha puntualizzato che la declaratoria di inammissibilità non impedisce la riproposizione della domanda.

In considerazione di ciò, l’ amministratore unico ha chiesto ai soci e all’organo di controllo di partecipare ad horas ad un’assemblea totalitaria nel corso della quale fare luogo all’approvazione del suddetto bilancio, onde porre in condizione la società di accedere in via definitiva alla procedura di concordato prenotativo: tanto nella certezza che tale procedura rappresenti ogg l’unico strumento in grado di evitare – sotto lo stretto controllo degli Organi concorsuali – l’apertura di una procedura irreversibile di insolvenza che avrebbe effetti enormemente pregiudizievoli in danno dei creditori e, soprattutto, della forza lavoro, con un impatto sociale incalcolabile.

Commenta su Facebook