La European Casino Association ha rilasciato i dettagli del suo ultimo sondaggio tra i suoi membri che traccia l’impatto delle misure Covid-19 recentemente introdotte dai governi europei. A seguito delle devastanti conseguenze della pandemia sull’industria dei casinò terrestri in Europa negli ultimi due anni, i membri dell’ECA continuano a operare sotto severi controlli e mandati governativi  a inizio del 2022.

In media, i casinò europei hanno dovuto affrontare 150 giorni di chiusura nel 2021 e mentre la maggior parte dei paesi attualmente consente l’apertura dei casinò, ad eccezione di Olanda e Danimarca, il coprifuoco è diffuso con il risultato di ridurre gli orari di apertura dei casinò e limitare l’offerta di  servizi per gli ospiti. L’indagine dell’ECA rivela che l’Ungheria ha registrato il numero più basso di giorni di chiusura forzata nel 2021, pari a 54, mentre la Francia ha registrato il numero più alto, con aree metropolitane chiuse per 199 giorni.

La prova della vaccinazione è richiesta in oltre il 95% dei casinò europei, con un test del flusso laterale negativo insufficiente per l’ammissione, causando problemi distinti ai casinò che dipendono dalle consuetudini transfrontaliere. I requisiti di distanziamento sociale per gli ospiti variano da paese a paese, a partire da un metro in Svezia, fino a 15 metri quadrati in Polonia. I requisiti di sicurezza impongono che ogni slot machine adiacente sia resa non disponibile per il gioco, dimezzando efficacemente l’offerta di slot della maggior parte delle proprietà. 

Gli ospiti sono tenuti a indossare maschere durante il loro soggiorno nel 95% dei casinò in Europa, mentre oltre la metà di tutto il personale dei casinò europei è tenuto a indossare le mascherine durante l’intero orario di lavoro.

“Chiusure, restrizioni e coprifuoco continuano a interrompere il normale flusso di operazioni per i membri dell’ECA nel 2022”, ha affermato Per Jaldung, presidente dell’ECA. “Mentre la maggior parte dei casinò in Europa sono aperti, le restrizioni sugli orari di apertura, la riduzione dell’offerta di giochi e cibi e bevande, oltre a ulteriori requisiti per gli ospiti e personale continuano a esercitare enormi pressioni sull’attività. L’aiuto e il supporto del governo devono continuare nel 2022 mentre i membri dell’ECA combattono per mantenere le loro sedi aperte per fornire intrattenimento, occupazione e entrate fiscali, poiché svolgono un ruolo essenziale nel settore del turismo e del tempo libero internazionale”.

Un esempio dell’ampia varietà di restrizioni che attualmente devono affrontare gli operatori di casinò in Europa:

Svezia : gli ospiti devono essere sempre seduti durante il gioco. 

Ungheria : devono essere mostrati i test PCR, anche per i vaccinati.

Francia : Vietato mangiare e bere nelle aree di gioco.

Austria : la maschera FFP2 deve essere sempre indossata dal personale e dagli ospiti.

Lussemburgo : Eventi limitati a 200 persone.

Polonia : Un ospite ogni 15 metri quadrati.

Regno Unito : al personale è stato chiesto di lavorare da casa, se possibile.

Estonia : i casinò devono chiudere alle 23:00.

Montenegro : Nessuna musica o spettacolo di alcun tipo.

Slovenia : l’offerta di cibo e bevande deve cessare alle 22:00.

Italia: Super Green Pass

I test dei dipendenti e i rigidi protocolli di igiene continuano a essere osservati da tutti i casinò con il consumo di bevande e cibo vietato nelle aree di gioco in molte località. Il coprifuoco per la chiusura dei ristoranti è in vigore in diverse giurisdizioni, mentre i casinò hanno una varietà di orari di chiusura imposti dalle autorità che vanno dalle 22:00 alle 23:00 nella maggior parte dei paesi, limitando gravemente le normali operazioni commerciali.