Slc-Cgil, Fisascat Cisl, Uilcom-Uil, Snalc-Cisal e Ugl-Terziario hanno dichiarato lo stato di agitazione dei dipendenti del Casinò di Sanremo per la “decisione unilaterale del Cda del Casinò di Sanremo” di aprire la sala dei giochi da tavolo, nei giorni che vanno da lunedì a giovedì, soltanto alla sera, a partire dalle 19. Cambiamento che sarà effettivo dal prossimo 2 novembre.

“Una gravissima decisione presa dal consiglio di amministrazione che lede i diritti dei lavoratori, danneggia i lavoratori degli appalti, danneggia i lavoratori dell’indotto; dai taxisti ai ristoratori ma soprattutto danneggia l’immagine storica e centenaria del Casinò di Sanremo e mette a rischio il contributo spettante al Comune di Sanremo”.

Le organizzazioni sindacali chiedono immediatamente un incontro al Sindaco, Alberto Biancheri, al fine di “far desistere da questa ingiustificabile posizione i vertici aziendali”.