camera
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – “Attraverso quali iniziative il Governo intenda potenziare le attività di contrasto e repressione del gioco on-line illegale, disciplinare la pubblicità sul web del gioco on-line in ottica preventiva rispetto al gioco d’azzardo patologico, arginare ed eventualmente inibire l’apertura di più conti-gioco diversi, presso le oltre 200 piattaforme autorizzate, da parte dello stesso utente”.

Lo chiede in Aula alla Camera il deputato Petrini (Pd) in un’interrogazione a risposta immediata in commissione Finanze rivolta al ministro dell’Economia, dove si evidenzia che “la proposta di riordino del gioco pubblico presentata dal Ministero dell’economia e delle finanze, in sede di Conferenza unificata si limita a prendere in considerazione solo le conseguenze prodotte dagli apparecchi da gioco collocati sul territorio, tutt’altro che privilegiati dai giovani (come emerge dalle ricerche Nomisma), trascurando il gioco on-line, che, ogni anno, incrementa i propri volumi con percentuali a doppia cifra: ciò rende evidente lo scenario futuro a cui l’industria del settore finirà per adeguarsi, ovvero il trasferimento sul web del gioco presente sul territorio (le slot)”. Francesco Berni

Commenta su Facebook