Il Codacons ha depositato oggi un formale ricorso presso il Tribunale di Roma con la richiesta alla Federcalcio (F.I.G.C.) di ripetizione degli incontri di Serie A Milan-Spezia e Spezia-Lazio. “Entrambe le partite, infatti, sono state decise da due macroscopici errori tecnici del Direttore di Gara, degli assistenti e, nel caso di Spezia-Lazio, anche della sala VAR.

Se la Federcalcio non dispone la ripetizione immediata delle partite viziate potrebbe venire meno la regolarità dello svolgimento dell’intero campionato di Serie A italiana, con delle squadre che hanno acquisito degli irregolari vantaggi nei confronti di altre squadre ingiustamente danneggiate – spiega il Codacons –. Una situazione che arreca inoltre danno sia ai tifosi, i quali hanno assistito ad uno spettacolo sportivo palesemente viziato, sia agli scommettitori, in virtù dei risultati delle partite sul campo, falsati dai clamorosi errori arbitrali.

Non si tratta – afferma l’associazione – di semplici errori di interpretazione o discrezionali degli arbitri, ma di sbagli tecnici nell’applicazione del Regolamento del gioco del Calcio, e proprio per tale motivo la Federcalcio deve assolutamente disporre la ripetizione degli incontri viziati. La Giustizia Sportiva non può arrogarsi il diritto di danneggiare diritti ed interessi di milioni di utenti appassionati di calcio”, conclude il Codacons.