Quattro apparecchi irregolari sequestrati e sanzioni per un ammontare complessivo di 43mila euro. Prosegue l’azione di contrasto dei fenomeni di abusivismo e di frode nel settore degli apparecchi e congegni da divertimento e intrattenimento. Nei giorni scorsi la Guardia di Finanza di San Miniato, in collaborazione con i funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Pisa (ADM), sulla base di un’attività di intelligence e del controllo economico del territorio, hanno eseguito un accesso mirato presso un bar di Castelfranco di Sotto (PI) per verificare il corretto adempimento della normativa di settore.

Durante il controllo sono stati ritrovati in un locale ben nascosto e lontano da sguardi indiscreti 3 apparecchi da intrattenimento completamente illegali, che, oltre ad essere sprovvisti delle autorizzazioni necessarie, non erano collegati alla rete dei Monopoli di Stato. Un ‘escamotage’ che ha consentito all’imprenditore di evitare il monitoraggio delle giocate effettuate ed eludere così le imposte dovute allo Stato.

Oltre ai 3 apparecchi è stato ritrovato e sottoposto a sequestro un ‘totem’, un terminale informatico dotato di monitor touch screen che consentiva di giocare d’azzardo on line, grazie ad una connessione internet su piattaforme di gioco estere prive di concessione o autorizzazione. L’imprenditore è stato inoltre sanzionato per una cifra complessiva di 43mila euro. “L’attività di servizio – fanno sapere dalla Gdf di San Miniato – si colloca nell’ambito della missione istituzionale finalizzata alla tutela del consumatore e al contrasto della concorrenza sleale in un settore particolarmente delicato quale quello dei giochi”.

Commenta su Facebook