Nella giornata di ieri il Tribunale del Riesame di Catania ha annullato 2 delle 11 misure cautelari disposte a carico degli indagati nell’operazione “Ludos”, riguardante un giro di scommesse illegali ed usura.

Il Collegio, condividendo le argomentazioni difensive, ha ritenuto meritevoli di accoglimento le censure mosse avverso l’ordinanza con la quale erano state disposte le misure cautelari limitative della libertà personale (arresti domiciliari, ndr), emessa dal Gip del Tribunale di Siracusa, eliminando ogni tipo di restrizione a carico dei due.

Questi, comparsi innanzi al Gip presso il Tribunale di Siracusa, avevano ammesso parzialmente i fatti in ordine alla responsabilità concernente la raccolta abusiva di scommesse, negando ogni tipo di coinvolgimento relativamente all’associazione a delinquere e all’esercizio abusivo dell’attività bancaria.

Lo riporta corrierequotidiano.it.