ludopatico
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – “Concordo con la proposta. Ma il dibattito sta portando a criminalizzare un comparto che produce lavoro e incremento del Pil. Il problema vero è il gioco illecito e non quello lecito, che viene emesso in difficoltà da chi invece rispetta le regole. Non possiamo certo chiudere le sale da gioco per combattere la ludopatia, altrimenti i ludopatici si riverserebbero sul gioco illecito”.

E’ quanto dichiarato da Raffaele Nevi (Fi) durante l’assemblea che ha portato all’approvazione della proposta di modifica della legge regionale umbra “Norme per la prevenzione, il contrasto e la riduzione del rischio della dipendenza da gioco d’azzardo patologico”, di iniziativa della consigliera Carla Casciari (Pd).

“Il servizio sanitario regionale deve impegnarsi ulteriormente per la cura ma soprattutto per la prevenzione della ludopatia, sostenendo un gioco razionale. Va costruita una alleanza con gli operatori del gioco, contro l’illecito e la ludopatia. Sbagliato puntare su una riduzione degli orari: i Comuni non vogliono essere messi in mezzo ad un conflitto tra operatori e residenti dei quartieri. Bisogna aspettare l’intesa Stato-Regioni affinché ci sia una norma nazionale per evitare norme diverse da Comune a Comune. Se questo regolamento deve servire solo per dimostrare di aver fatto qualcosa, bene. Ma non è così che si affronta la ludopatia. Voterò a favore dell’emendamento Casciari ma se rimangono i limiti degli orari voterò contro la legge nel complesso” ha concluso Nevi.

Commenta su Facebook