Print Friendly

(Jamma) Il Tirolo abolirà l’imposta sugli intrattenimenti. In questi giorno il disegno di legge che cancellerà una delle tasse più invese agli esercenti è infatti arrivato all’esame del Parlamento. Molto probabilmente verrà votato entro luglio prossimo.

Negli ultimi mesii infatti la pressione del Governo sul Parlamento si è fatta sempre più forte, soprattutto a causa delle pressioni della Camera di Commercio, nonché degli organizzatori di manifestazioni culturali e sportive. Molti di questi hanno infatti annunciato di essere pronti a chiudere i battenti se non verrà abolita l’imposta che invece sembra fare molto comodo alle casse della città di Innsbruck, che hanno beneficiato maggiormente dalla tassa sull’intrattenimento, e dell’Associazione dei Comuni tirolesi.

Nel 2015 la tassa ha fruttato 2,2 milioni di euro, 939.930 dei quali sono andati nelle casse di Innsbruck e 690.000 in quelle di Kitzbuehel. L’imposta è aumentata in modo vertiginoso soprattutto per le slot passando da 110 euro a circa 700 euro. I comuni avranno però la possibilità di raddoppiare la tassa e la città di Innsbruck potrebbe quindi imporre il versamento fino a 1.400 euro al mese per macchina. Il fatto è che se la tassa verrà abolita per le manifestazioni culturali e sportive, non è escluso che l’amministrazione comunale non decida di aumentare quella sulle slot per garantirsi entrate erariali per un milione di euro l’anno.

 

Commenta su Facebook