(Jamma) – La Terza sezione penale della Corte di Cassazione ha annullato con rinvio al Tribunale di Ragusa per un nuovo esame un’ordinanza di sequestro nei confronti di un internet point con corner di gioco in provincia di Ragusa.

I giudici siciliani avevano precedentemente sequestrato il locale per mancanza di concessione. Il ricorso presentato è stato accolto perché “il Tribunale ha svolto una articolata motivazione muovendo da un erroneo presupposto e cioè la nazionalità straniera dell’operatore a cui il centro era affiliato e ne ha tratto le conseguenze, partendo da tale errato assunto, che non vi era stata alcuna discriminazione nel caso in esame. La motivazione è chiaramente del tutto scollegata e avulsa dal tema oggetto dell’istanza del riesame, rispetto al quale il Tribunale non risponde”.

Commenta su Facebook