(Jamma) – “So bene che è un momento critico e che avreste sicuramente delle osservazioni. Per questo ritengo improrogabile il riordino del settore, che possa arrivare introducendo nuove regole al comparto gioco entro la fine della legislatura”.

Questo il contenuto del messaggio inviato dal sottosegretario al Mef, Pier Paolo Baretta, che è stato impossibilitato a partecipare al convegno romano “Il riordino del gioco pubblico: tra prospettive di riforma, necessità di innovazione e lotta alle dipendenze”.

Anche Alessandro Aronica, vicedirettore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, non ha potuto partecipare al convegno perchè chiamato in audizione in parlamento proprio in merito all’intervento inserito nella manovrina inerente nuove entrate dalle slot attraverso l’aumento del prelievo erariale unico di un punto percentuale.

Commenta su Facebook