Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – “Le convenzioni scadute o in scadenza entro il 28 febbraio 2017 non possono essere rinnovate ma l’Organismo che intenda continuare nell’attività di verifica in un settore e/o aggiungere altri settori oggetto di verifica deve presentare domanda secondo l’avviso pubblicato in data 30 dicembre 2016.

Per le convenzioni in scadenza successivamente al 1 marzo 2017 la domanda può essere presentata in seguito, almeno trenta giorni prima della data in cui l’Organismo intenda iniziare e/o continuare l’attività, sempre chiedendo l’affidamento secondo il nuovo modello di convenzione”. E’ quanto si legge in una nota dei Monopoli.

Requisiti

“Il formato dell’atto costitutivo e dello statuto è in forma libera e non è in bollo. Non è ammessa dichiarazione sostitutiva. Qualora l’Organismo non dovesse richiedere di svolgere attività di ispezione non è necessaria l’indicazione della stessa attività nell’atto costitutivo e nello statuto. La locuzione “Manuale di qualità dell’Organismo ISO-9001” è usata come abbreviazione di “Manuale di qualità dei sistemi di gestione aziendale dell’Organismo, redatto in conformità quantomeno agli standard di cui alle ISO 9001”. La presenza di certificazione con criteri più stringenti evidentemente presuppone il rispetto anche degli standard di qualità predetti. Pertanto, va presentato il manuale di qualità dell’Organismo. La documentazione attinente al requisito di capacità economica e finanziaria, che deve possedere l’Organismo, direttamente o tramite una società controllante o controllata, consiste quantomeno nei documenti contabili, relativi agli ultimi anni di attività (fino a cinque), che comprovino la sostenibilità dell’Organismo medesimo a svolgere l’attività da affidare in Convenzione e vanno allegati alla domanda di partecipazione. L’Organismo è tenuto, come requisito di ammissibilità alla procedura, a presentare, in allegato alla domanda di affidamento del servizio, una polizza di assicurazione di responsabilità civile con un massimale del valore minimo di Euro 10.000.000,00, a copertura del rischio assicurato, in conformità alle disposizioni dettate dal codice civile in materia. La valutazione della compatibilità dell’adeguamento di polizze di assicurazione esistenti è a carico dell’Organismo sotto il profilo del massimale, ma anche del rischio assicurato e della conformità alle regole dettate dalla normativa vigente. In ordine alle garanzie da prestare, l’Organismo ben può decidere di adeguare le preesistenti ovvero presentarne nuove, in ogni caso coprendo l’importo richiesto per i settori prescelti, ai sensi dell’articolo 9 dello schema di Convenzione e degli articoli 2 degli Allegati specifici. Nel caso di adeguamento di garanzie preesistenti, è responsabilità dell’Organismo verificare che l’impegno dell’Istituto emittente sia riferito all’oggetto della garanzia medesima, al valore da garantire e alle altre specifiche richieste dell’Agenzia, mantenendo altresì l’impegno per eventuali richieste riferite alle convenzioni precedenti. L’accreditamento ISO 17025 richiesto al punto 15) dell’Avviso è un requisito minimo che attesta la rispondenza alle norme ISO 17025. Vanno dichiarati altri eventuali accreditamenti posseduti, rilevanti per l’attività richiesta. L’Avviso riporta l’impegno a conseguire la ISO 17025 specifica per i settori di gioco se, e nella misura in cui, l’Agenzia determinerà di definire una convenzione con uno degli enti di accreditamento previsti dal regolamento 765/2008, al fine di verificare la presenza di laboratori idonei alla specifica attività richiesta. Non è al momento prevista la necessità della ISO 17065 in quanto non è richiesta attività di certificazione.

Documentazione

La documentazione richiesta deve essere presentata secondo le modalità indicate nell’Avviso. Documenti presentati in altre modalità e circostanze, senza specifiche richieste dell’Agenzia, non sono presi in considerazione per la presente procedura. La domanda di partecipazione – unitamente alla documentazione richiesta – può essere trasmessa via posta elettronica certificata al seguente indirizzo: monopoli.analisiecontrollo@pec.aams.it. All’invio della e-mail di Pec dovrà comunque seguire l’intera documentazione in formato cartaceo per consentire la valutazione dei documenti in originale prima della pubblicazione dell’elenco. La traduzione giurata della documentazione può essere inviata anche successivamente, previa dichiarazione di impegno, purché in anticipo rispetto alla data di pubblicazione dell’elenco.

Linee guida

Le linee guida del settore VLT sono riferite al D.D. del 22 gennaio 2010, nelle more dell’emanazione del nuovo decreto regole tecniche. Le linee guida per il settore Bingo si riferiscono al D.D. n. 22988 del 9 gennaio 2017, riguardante le specifiche tecniche da adottarsi da parte dei concessionari per la gestione del gioco del Bingo. Per i restanti settori permangono, fino ad eventuali successive modifiche, le linee guida preesistenti.

VLT

La richiesta di verifica di conformità, trasmessa dal richiedente, abiliterà automaticamente l’Organismo di certificazione prescelto all’avvio, nell’apposito ambiente, di sessioni di test di colloquio con il sistema di controllo a supporto del processo di verifica. . L’Organismo di certificazione deve rendere disponibile, tramite apposita applicazione web, la documentazione di cui al comma 3 dell’Art. 4 dell’allegato VLT allo Schema di convenzione, oltre ai dati identificativi ed ai parametri di funzionamento del Sistema di gioco o del gioco, con esclusione delle evidenze riguardanti la metodologia di verifica”.

Commenta su Facebook