È necessaria un’azione urgente per proteggere il settore dell’ospitalità e del tempo libero da aumenti “catastrofici” dei prezzi dell’energia, afferma l’organismo di standardizzazione che rappresenta l’industria regolamentata delle scommesse e dei giochi del Regno Unito.

Michael Dugher, CEO del Betting and Gaming Council, che rappresenta il 95% delle attività regolamentate di scommesse e giochi del Regno Unito, ha affermato che i casinò fisici e i negozi di scommesse sono stati duramente colpiti dall’aumento vertiginoso delle bollette energetiche, proprio come il resto del settore dell’ospitalità.

La Gran Bretagna vanta 6.500 negozi di scommesse e 121 casinò che supportano il settore dell’ospitalità e del turismo.

Insieme danno lavoro diretto a 44.000 persone e supportano altri 48.000 posti di lavoro, contribuendo con 4 miliardi di sterline all’economia del Regno Unito e generando 2 miliardi di sterline di tasse ogni anno. Ciò include 537 negozi di scommesse indipendenti che hanno oltre 2.700 dipendenti.

Oltre 200 LBO indipendenti hanno chiuso negli ultimi 5 anni, chiudendo oltre 50 aziende.

Una ricerca condotta prima della pandemia da ESA Retail ha rilevato che l’82% dei propri clienti visitava il punto vendita almeno una volta alla settimana, con l’89% di loro che visitava altri negozi della zona.

Ma nel mezzo di una crisi energetica globale, le aziende stanno affrontando aumenti medi del 300%.

L’avvertimento di Michael Dugher arriva dopo che il membro di spicco Rank Group la scorsa settimana (THURS) ha rivelato che i costi energetici hanno raggiunto i 23 milioni di sterline nell’ultimo anno finanziario, rispetto ai 13 milioni di sterline, con la preoccupazione che potrebbero raggiungere i 46 milioni di sterline quest’anno agli attuali prezzi di mercato.

Ha detto: “Il costo del semplice fare affari sta aumentando a un ritmo esponenziale. Se un’azione urgente non viene intrapresa presto, i continui aumenti dei prezzi dell’energia potrebbero avere un impatto catastrofico sul settore dell’ospitalità e del tempo libero, anche colpendo i nostri membri.

I casinò sono un pilastro vitale del settore dell’ospitalità e del turismo nelle città e nei paesi del Regno Unito. Proprio come il resto del settore dell’ospitalità, stanno lottando per ricostruire dopo la pandemia globale e ora devono affrontare una nuova crisi.

Nel frattempo i bookmaker, che svolgono un ruolo fondamentale nel Regno Unito, devono affrontare sfide simili. Insomma, qualsiasi attività che accolga i clienti in un edificio deve fare i conti con questa emergenza energetica.

Sono stati proposti diversi interventi per tutelare le imprese ei debitori dagli aumenti dei prezzi, ma non sono state adottate misure specifiche per tutelare i settori dell’ospitalità e del tempo libero.

Quest’ultima battuta d’arresto arriva tra i continui ritardi delle previste riforme del settore delle scommesse e dei giochi, che saranno delineate nel nuovo Libro bianco”.

Articolo precedenteBruxelles non interferisce con le leggi nazionali sul gioco d’azzardo. Breton (Comm. Mercato Interno): “Aperta inchiesta su concessione lotteria e scommesse in Francia”
Articolo successivoCrisi energetica: luci spente nelle sale giochi tedesche del Gruppo Gauselmann