Petfre (Gibraltar) Limited pagherà una sanzione di 2,87 milioni di sterline per responsabilità sociale e fallimenti antiriciclaggio. L’operatore – che gestisce betfred.com e oddsking.com – riceverà anche un avviso ufficiale per i problemi creati dall’azienda.

Leanne Oxley, gambling commission director of enforcement and intelligence, ha dichiarato: “Questo è un ulteriore esempio di come noi agiamo per indagare e sanzionare allarmanti fallimenti. Ci aspettiamo che questa attività di gioco e tutti gli altri licenziatari esaminino questo caso e guardino attentamente per vedere se hanno bisogno di apportare ulteriori miglioramenti per dimostrare la conformità delle loro offerte. Se gli standard non migliorano, seguirà un’applicazione più severa”.

I fallimenti della responsabilità sociale includevano:

  • Non c’erano controlli in atto per prevenire grandi livelli di spesa ad alta velocità da parte dei nuovi clienti. A un cliente è stato permesso di perdere £ 70.000 in un periodo di 10 ore in un solo un giorno dopo l’apertura del conto
  • Impostando un’interazione di gioco più sicura si innesca un’interazione di gioco troppo alta e la spesa dei clienti aumenta considerevolmente, questo può essere un indicatore di danno, non è stata condotta un’ulteriore revisione del conto di gioco in modo tempestivo: un cliente ha interagito per la prima volta con quando depositato (£ 20.700) e perso £ 10.200, ma poi l’interazione successiva non si è verificata fino a quattro mesi dopo, quando il cliente aveva depositato £ 323.715 e perso £ 69.371.

I fallimenti antiriciclaggio includevano:

  • Non teneva pienamente conto dei rischi di riciclaggio di denaro e di finanziamento del terrorismo (MLTF) connessi alla propria attività, in particolare i rischi connessi al Paese o all’area geografica, ai clienti, alle transazioni, ai prodotti e servizi
  • Non disponeva di politiche, procedure e controlli adeguati per gestire e mitigare i rischi MLTF, comprese soglie inadeguate, informazioni insufficienti sui clienti e nessuna prova di monitoraggio continuo prima del raggiungimento dei trigger finanziari iniziali
  • Non garantiva che le sue politiche, procedure e controlli siano stati attuati in modo efficace, nemmeno seguiva gli orientamenti emessi dalla Commissione e non teneva conto di eventuali apprendimenti o orientamenti applicabili pubblicati dalla Commissione
  • Mancata attuazione completa delle misure descritte nei regolamenti sul riciclaggio di denaro, compresa la mancata identificazione dei rischi MLTF a cui l’azienda era soggetta e mancata definizione e mantenimento di politiche, procedure e controlli per gestire e mitigare efficacemente i rischi. L’operatore ha inoltre fornito una formazione inadeguata dei dipendenti, non ha esaminato le transazioni per garantire che fossero coerenti con la loro conoscenza del cliente e del loro profilo di rischio e non ha condotto sufficienti controlli antiriciclaggio, di adeguata verifica della clientela e della fonte dei fondi.

Articolo precedenteGaming Commission greca esplora proposte e azioni per la sostenibilità del gioco in presenza
Articolo successivoCodere. “Innamòrati di Te”, appuntamento a Rivoli (TO) il 27 ottobre