Il numero di scommettitori britannici che visitano siti di gioco d’azzardo non regolamentati del mercato nero online è triplicato durante i Mondiali di calcio, come rivela una nuova ricerca.

Nel solo mese di dicembre 250.000 persone hanno visitato siti non regolamentati del mercato nero, rispetto a circa 80.000 nello stesso mese dell’anno precedente, con un aumento simile a novembre.

Il team di ricerca leader Yield Sec ha condotto la nuova analisi per il Betting and Gaming Council per valutare l’entità del gioco d’azzardo del mercato nero lo scorso anno, anche durante la Coppa del Mondo del Qatar.

Gli analisti hanno scoperto che il traffico online verso i siti che pubblicizzano servizi per i giocatori problematici che si sono autoesclusi dagli operatori britannici è aumentato di quasi l’83%.

Tutti gli operatori di scommesse regolamentati nel Regno Unito sono iscritti a GamStop, un sistema di autoesclusione che blocca automaticamente l’accesso a tutti gli operatori regolamentati.

Ma il rapporto di riferimento di Yield Sec afferma che: “I siti non GamStop hanno generato l’82,68% in più di visite da parte del 26,88% in più di clienti unici nel periodo novembre-dicembre 2022 rispetto al precedente periodo di due mesi, trascorrendo in media il 78% di tempo in più sui siti”.

Solo in quel periodo di due mesi, oltre 64.500 giocatori vulnerabili hanno cercato i siti del mercato nero che offrono scommesse per aggirare GamStop.

La ricerca ha inoltre rilevato picchi di traffico verso i siti del mercato nero a marzo, durante Cheltenham, e a giugno, durante Ascot, indicando che le corse dei cavalli sono fortemente prese di mira dai gruppi di scommettitori illegali.

Gli esperti del settore hanno stabilito che ci vogliono meno di 30 secondi per iscriversi a un sito del mercato nero prima di piazzare la prima scommessa, rispetto a una media di 12 minuti con un operatore regolamentato del Regno Unito.

Questo perché gli operatori britannici devono effettuare rigorosi controlli di identità e di età per prevenire il gioco d’azzardo problematico e le frodi.

Michael Dugher, CEO del Betting and Gaming Council, ha dichiarato: “Questa ricerca mette a nudo la terribile minaccia che il crescente mercato nero, non sicuro e non regolamentato, rappresenta per i giocatori.

Mentre l’industria regolamentata si è impegnata a fondo per proteggere i giovani durante la Coppa del Mondo, aderendo a regolamenti rigorosi e promuovendo un gioco d’azzardo più sicuro, gli operatori del mercato nero hanno sfruttato i più vulnerabili.

Questi siti privi di licenza non offrono nessuno degli strumenti di gioco più sicuri promossi dai nostri membri, non pagano tasse e non assumono nessuno, non contribuiscono con un centesimo allo sport o ai servizi che affrontano i danni del gioco d’azzardo e non fanno nulla per proteggere i giocatori vulnerabili.

Questi dati dimostrano che la Coppa del Mondo ha guidato una serie di preoccupanti tendenze del gioco d’azzardo nel Regno Unito – non nel settore regolamentato, come previsto dai proibizionisti del gioco d’azzardo – ma nel mercato nero online, non sicuro e non regolamentato.

C’è stata troppa compiacenza nei confronti della minaccia del mercato nero. Invece di liquidare il problema, l’autorità di regolamentazione e il Governo devono procedere con estrema cautela e opporsi a controlli generalizzati e invasivi dell’accessibilità a bassi livelli che spingono un numero ancora maggiore di scommettitori verso questi siti pericolosi“.

Nel complesso, il numero di visite ai siti Web del mercato nero dal Regno Unito è aumentato del 46% nel 2022, con circa 148.000 clienti che accedono ai siti illeciti ogni mese.

Una ricerca separata di PwC ha rilevato che il numero di clienti che utilizzano siti Web di scommesse senza licenza è più che raddoppiato, passando da 210.000 nel 2019 a 460.000 nel 2020, e che il denaro puntato ammonta a miliardi.

Ismail Vali, fondatore e CEO di Yield Sec, ha dichiarato: “Questa tendenza all’aumento delle attività di gioco d’azzardo illegale durante gli eventi sportivi più importanti riflette la minaccia sempre presente che gli operatori illegali rappresentano per i giocatori e il pubblico“.

Nel frattempo, i dati hanno rivelato che il numero di pubblicità di scommesse mostrate in TV durante le fasi a gironi della Coppa del Mondo è diminuito del 34% rispetto alla Coppa del Mondo del 2018.

In base al divieto volontario di Whistle-to-Whistle da parte dei membri di BGC, gli spot televisivi sulle scommesse degli operatori regolamentati non possono essere trasmessi da cinque minuti prima del calcio d’inizio di una partita fino a cinque minuti dopo la sua conclusione, prima delle 21.00.

Un rapporto dello scorso anno ha rilevato che il divieto ha portato a una riduzione del 97% del numero di tali pubblicità viste dai bambini a quell’ora.

Il BGC terrà il suo quarto AGM giovedì 26 gennaio. Il discorso principale sarà tenuto dal ministro del DCMS responsabile per il gioco d’azzardo, Paul Scully MP, e l’evento sarà condotto dal presentatore di Times Radio John Pienaar.

L’AGM di quest’anno riunirà ancora una volta i leader dell’industria regolamentata delle scommesse e del gioco d’azzardo del Regno Unito, un settore che genera 7,1 miliardi di sterline per l’economia, oltre a 4,2 miliardi di sterline in tasse e sostiene 110.000 posti di lavoro.

Articolo precedenteICE, la pluripremiata “Consumer Protection Zone” si avvicina al raggiungimento dell’obiettivo di raccolta fondi
Articolo successivoRiordino dei giochi: ecco il testo del ddl presentato dal senatore Mirabelli (PD)