L’autorità spagnola per il gioco ha aperto il periodo di informazione pubblica destinato a tutti gli interessati che intendono dare i loro contributi pubblicando la proposta di risoluzione per la regolamentazione del gioco d’azzardo in relazione all’identificazione dei partecipanti ai giochi e al controllo dei divieti soggettivi di partecipazione e al modello di dati del sistema di monitoraggio delle informazioni corrispondenti ai registri delle operazioni di gioco.

Nello specifico, attraverso la nuova Delibera, vengono aggiornati gli obblighi degli operatori in merito alle comunicazioni che devono essere segnalate alla Direzione Generale per la Regolamentazione del Gioco d’Azzardo (DGOJ), eliminando, da un lato, l’obbligo di comunicare alcune segnalazioni relative al numero di consultazioni effettuate e introducendo un obbligo di comunicazione della cancellazione delle registrazioni degli utenti.

Allo stesso modo, l’accesso telematico alla sezione delle persone decedute del Registro Civile è regolato, attraverso il Servizio di Verifica dell’Identità, e sono stabilite le condizioni alle quali gli operatori effettueranno verifiche periodiche sull’identità dei partecipanti e la verifica di non essere soggetti ai divieti soggettivi di partecipazione, sia di propria iniziativa che su richiesta della Direzione Generale per la Regolamentazione del Gioco d’Azzardo.

In relazione a questa modifica, si propone di modificare la Risoluzione del 6 ottobre 2014, che approva il modello dati del sistema di monitoraggio delle informazioni corrispondenti ai record delle operazioni di gioco, al fine di introdurre un nuovo stato nel modello di dati che rifletta lo stato del giocatore che è stato notificato come deceduto.

Il termine per la presentazione dei contributi è aperto fino all’11 novembre 2022.

Articolo precedenteLotta alla contraffazione, ADM all’85esima Fiera del Levante (video)
Articolo successivoSisal scrive un pezzo di storia dell’Eurojackpot in Italia: il 21 ottobre 2016 realizzato a Cicciano (NA) un “5+1” da oltre 220mila euro