Il Tribunale Amministrativo Regionale della Calabria, sezione di Reggio Calabria, ha respinto il ricorso contro il provvedimento di diniego al rilascio di una licenza per sale scommesse della Questura.

Per i giudici del Tar “considerata la ratio dei provvedimenti in materia di licenze e di autorizzazioni di pubblica sicurezza, coincidente con l’esigenza non già di accertare responsabilità ovvero sanzionare illeciti, bensì di porre rimedio, con ampia discrezionalità, a situazioni che, complessivamente e non già atomisticamente considerate, risultino sintomatiche, secondo il cd. criterio del più probabile che non, di un pericolo per l’ordine pubblico e la sicurezza pubblica, la valutazione degli elementi sopra indicati, siccome operata dalla Questura in termini di complessiva inaffidabilità del ricorrente, appare adeguatamente motivata oltre che non manifestamente illogica ed irragionevole”.

Articolo precedenteScommesse calcio, Supercoppa: da Microgame quota maggiorata sui marcatori
Articolo successivoLazio, Caritas Roma su nuove norme slot: “Misure carenti e minime”