Prosegue senza sosta l’attività di controllo in materia di scommesse sportive online non autorizzate; su richiesta della Direzione Centrale – Ufficio Controlli Giochi, i funzionari ADM di Palermo, Catania e dell’Ufficio Antifrode regionale hanno effettuato delle verifiche nel territorio etneo. Nel corso dei controlli eseguiti presso un Centro Elaborazione Dati (CED) di Acireale (CT), nonostante l’attività fosse priva dell’autorizzazione rilasciata dalla Questura e della concessione all’esercizio delle scommesse sportive rilasciata da ADM, il gestore consentiva agli avventori di effettuare le scommesse direttamente al banco anche su eventi diversi da quelli normalmente autorizzati.

All’interno del centro scommesse erano stati installati 3 apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro, sprovvisti della licenza di Polizia, e 1 personal computer destinato ai giochi da casinò. Sequestrati gli apparecchi e il pc utilizzato abusivamente, al gestore, denunciato all’Autorità Giudiziaria, sono state comminate sanzioni amministrative per 145.000 euro. L’Imposta Unica, dovuta sulle scommesse già effettuate, verrà calcolata dall’ufficio accertamento di Catania in base al volume delle giocate riscontrate.

Articolo precedenteAcireale (CT), sequestrati in un bar due pc che permettevano accesso illecito a casinò online: maxi multa da 100mila euro al titolare
Articolo successivoConsiglio di Stato su regolamento gioco d’azzardo del comune di Spirano (BG): “Restrizioni giustificate anche se il numero di ludopatici non è eccessivo”