Regno Unito, Gambling Commission: “Nel trimestre gennaio-marzo 2022 in calo il gioco online”

La Gambling Commission britannica ha pubblicato ulteriori dati che mostrano come il comportamento di gioco stia reagendo all’allentamento delle restrizioni e agli attuali fattori ambientali in Gran Bretagna. “I dati – si legge in una nota – riflettono il periodo compreso tra marzo 2020 e marzo 2022, inclusi, e coprono il gioco d’azzardo online e in presenza con i dati degli operatori di scommesse con licenza (LBO) trovati nelle strade principali della Gran Bretagna.

Si consiglia cautela quando si effettuano confronti anno su anno tra alcuni mesi durante il periodo di questa raccolta di dati, a causa delle diverse circostanze operative tra il 2020 e il 2022. Inoltre, non dovrebbe essere effettuato un confronto con il set di dati delle statistiche del settore, poiché i dati sull’impatto del mercato possono includere scommesse e bonus gratuiti.

Questo aggiornamento – prosegue la Gambling Commission – contiene i dati degli operatori fino a marzo 2022. Pubblicheremo questi dati su base trimestrale e, di conseguenza, questa analisi effettua un confronto trimestre su trimestre. Si prega di notare che questo si riferisce ai trimestri dell’anno finanziario 2021-2022.

Gli ultimi dati mostrano:

nell’online il GGY totale da gennaio a marzo è stato di 1,2 miliardi di sterline, in calo dell’1% rispetto al periodo da ottobre a dicembre. Il numero complessivo di scommesse/giri totali è diminuito del 2% tra il trimestre ottobre-dicembre e il trimestre gennaio-marzo, i conti attivi mensili medi (1) sono aumentati del 5%;

il GGY delle slot è diminuito del 5% a quasi 541 milioni di sterline tra il trimestre ottobre-dicembre e il trimestre gennaio-marzo. Il numero di giri è diminuito del 2% a 17,9 miliardi, mentre gli account attivi mensili medi sono aumentati del 5% a 3 milioni al mese;

il numero di sessioni di slot online di durata superiore a un’ora è diminuito del 2% (a 7,9 milioni) tra il trimestre ottobre-dicembre e il trimestre gennaio-marzo. La durata media della sessione è durata 18 minuti, con circa il 7% di tutte le sessioni di durata superiore a un’ora.

il GGY degli LBO (operatori di scommesse con licenza) è aumentato del 3% a 551 milioni di sterline tra il trimestre ottobre-dicembre e il trimestre gennaio-marzo, mentre il numero di scommesse e giri totali è diminuito a 3,2 miliardi.

Riconosciamo che il Paese sta ora entrando in una fase diversa mentre ci adattiamo alla vita dopo una serie di restrizioni. Continuiamo ad aspettarci una maggiore vigilanza da parte degli operatori poiché i consumatori sono influenzati in modi diversi dalle circostanze provocate dalla pandemia e dal più ampio contesto economico. Molte persone – spiega la Gambling Commission – si sentiranno ancora vulnerabili a causa della durata del periodo di pandemia, dell’ulteriore incertezza sulle loro circostanze personali o finanziarie o del riadeguamento dei budget e del tempo mentre la vita torna alla normalità con una serie più ampia di fattori finanziari.

Ci aspettiamo che gli operatori:

continuino a seguire la guida rafforzata emessa durante il primo lockdown, interessandosi da vicino ai dati che mostrano i consumatori che ampliano il proprio portafoglio di giochi e spendono più tempo o denaro di prima;

interagiscano direttamente dove vengono raggiunti i trigger, oltre ad avere un coinvolgimento più generico tramite e-mail;

evitino qualsiasi tentazione di sfruttare la situazione attuale per scopi di marketing, in particolare quando i consumatori si adeguano a una nuova normalità devono essere molto cauti quando cercano di vendere i prodotti;

prestino particolare attenzione quando acquisiscono nuovi clienti e si prendono decisioni sui controlli di accessibilità che riflettono l’ambiente in cui ci troviamo.

La Commissione continua a monitorare il rischio connesso al mercato:

valutando l’impatto delle linee guida rafforzate emesse agli operatori;

monitorando i dati chiave insieme alla raccolta e alla pubblicazione di questi dati aggiuntivi;

adottando ulteriori azioni per proteggere i consumatori laddove le prove identifichino ulteriori rischi cui questi sono esposti.

La Commissione continuerà inoltre a: prendere provvedimenti per rafforzare in modo permanente i requisiti normativi, comprese le modifiche agli standard tecnici remoti (RTS) e alle condizioni di licenza e codici di condotta (LCCP) per proteggere i consumatori; monitorare molto da vicino gli operatori e condurre le nostre valutazioni di conformità”, conclude la Gambling Commission.

_________________

(1) Questo è il numero totale di volte in cui l’attività ha avuto luogo in tutti i verticali; pertanto, un account attivo può essere conteggiato più di una volta se partecipa a più verticali. Inoltre, un confronto trimestre su trimestre significa che c’è un ulteriore grado di doppio conteggio nel punto dati degli account attivi. Ad esempio, se un account è stato attivo in due dei tre mesi di quel trimestre, verrà conteggiato due volte nel totale di quel trimestre. Questo è applicabile solo agli account attivi e a nessuno degli altri data-points.

Articolo precedenteRegno Unito, Gambling Commission: sospesa licenza a Goldchip Limited
Articolo successivoGioco online, ADM: stretta sui PVR, spetta ai concessionari controllare esercizi che sottoscrivono contratti e vendono carte di ricarica. Tutti gli obblighi di verifica