Il tribunale di Marsala ha assolto, perché il fatto non sussiste, il titolare di un PVR di Salemi (TP) accusato di svolgere attività di intermediazione nella raccolta delle scommesse. La vicenda, poi sfociata in processo, ha avuto inizio il 7 febbraio del 2020 quando, a seguito di un controllo da parte dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e dei Carabinieri di Salemi, erano state riscontrate delle presunte violazioni penali, che avevano portato anche ad una sanzione amministrativa di oltre 56mila euro. Lo riporta tp24.it.

Articolo precedenteFikayo Tomori ai microfoni di StarCasinò Sport: “Il segreto di questo Milan è la fame, la voglia di aiutarsi sempre e vincere tutti insieme”
Articolo successivoSnaitech rinnova Share 4 Good e supporta l’Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare