Il pagamento della penale ad Electronic Arts (EA) è stato ingiustamente imposto dalla Gaming Authority (Ksa). Le loot box nel gioco per computer FIFA22 non sono giochi d’azzardo come indicato nel Games of Chance Act. Questo è il senso della decisione della Divisione di competenza amministrativa del Consiglio di Stato (si riferisce ad un altro sito web), la Suprema Corte Amministrativa. La decisione è irrevocabile e la Ksa valuterà le conseguenze di questa sentenza per il suo approccio alle loot box.

Il caso

Il tribunale distrettuale dell’Aia aveva confermato nel 2020 la decisione di Ksa sui pacchetti in FIFA19 (e versioni successive), Electronic Arts Inc. ed Electronic Arts Swiss Sàrl (EA), che aveva imposto un’ordinanza di cessazione nel 2019 motivata dall’accusa di violazione della legge sui giochi d’azzardo. EA ha impugnato la decisione del tribunale e il più alto giudice amministrativo ha condiviso le tesi di EA.

Packs FIFA

I packs sono pacchetti tipo loot box contenenti giocatori di calcio virtuali. I pacchetti possono essere aperti nella cosiddetta modalità FUT del gioco. Secondo la Divisione della giurisdizione amministrativa del Consiglio di Stato, il Ksa ha valutato erroneamente i Packs come un gioco separato. Inoltre, il giudice ritiene importante che la grande maggioranza dei pacchetti sia ottenuta attraverso la partecipazione al gioco. Ritiene inoltre che il commercio sul mercato nero sia limitato e ne tiene conto nella sua valutazione. Secondo il giudice, il Ksa non è stato in grado di sostanziare a sufficienza il motivo per cui esiste un gioco separato.

Articolo precedenteGioco online, 1,17 milioni di sterline di multa per campagne di marketing diretto ai giocatori
Articolo successivoRecord di aziende per la seconda edizione degli Esports Business Days