Il CEO di NOVOMATIC Italia Markus Buechele è su Rimini Today: “Dal 2007 ad oggi tutto ciò che siamo riusciti a costruire lo dobbiamo alle persone: qui al momento lavorano 160 colleghi e abbiamo bisogno di nuove risorse e nuovi talenti che possano concorrere al raggiungimento degli obiettivi di eccellenza che il nostro Gruppo si pone in tutto il mondo. Per la sede di Rimini abbiamo circa 10 posizioni attualmente aperte, con diverse qualifiche: dal legale, al magazziniere…”

Rappresentare una grande realtà multinazionale e al contempo essere pienamente radicati in un contesto locale come quello di Rimini è una felice condizione che Novomatic Italia vive ormai da quasi 15 anni. La sinergia con il tessuto in cui l’azienda opera consente uno sguardo ottimistico verso il futuro nonostante i lunghi mesi di lockdown legato alle restrizioni pandemiche, e spinge il Gruppo Novomatic a puntare con fiducia sul proprio territorio di appartenenza con nuovi investimenti in termini di risorse umane e di espansione dello stabilimento di produzione.

“È fondamentale ripartire – dichiara Markus Buechele, Ceo di Novomatic Italia che conta oltre 2600 dipendenti nel Paese – perché alla fase di consolidamento vissuta negli anni passati, possa seguire un periodo di nuova crescita per il nostro Gruppo. Sono arrivato in Italia all’inizio del 2008, pochissimi mesi dopo l’avvio dell’avventura di Novomatic a Rimini, e oggi posso dire che tutto ciò che siamo riusciti a costruire lo dobbiamo alle persone: qui al momento lavorano 160 colleghi e abbiamo continuamente bisogno di nuove risorse e nuovi talenti che possano concorrere al raggiungimento degli obiettivi di eccellenza che il nostro Gruppo si pone in tutto il mondo. Per la sede di Rimini abbiamo circa 10 posizioni attualmente aperte, con diverse qualifiche: dal legale, al magazziniere…”.

La persona al centro: è il messaggio che Novomatic trasmette attraverso una grande attenzione agli aspetti focali nell’ambito della gestione delle risorse umane, che vanno dagli strumenti di welfare aziendale assicurati a tutti i dipendenti del Gruppo fino allo strutturare specifici career plans che permettono ad ognuno di sviluppare le proprie potenzialità in linea con competenze e ambizioni. Ma non è tutto: emblematica è stata la scelta, durante i lunghi mesi di blocco totale delle attività su tutto il territorio italiano, di non lasciare sole le proprie risorse e anticipare mensilmente la cassa integrazione permettendo a tutte le famiglie di non dover attendere le lunghe tempistiche degli interventi statali.

“L’investimento sulle persone – conclude Buechele – non può prescindere da una visione strategica: il nostro core business è la tecnologia, e Rimini è il nostro centro di produzione. Al momento abbiamo in previsione di ampliare il nostro stabilimento, attualmente di 8000 m2 occupati, con ulteriori spazi per 3000m2 nell’area di Rimini. Questo è il nostro progetto oggi, alla vigilia del 15esimo anniversario della nostra presenza in Italia e in particolare a Rimini, la prima casa italiana del nostro Gruppo, nato in Austria oltre 40 anni fa”.

Articolo precedenteLegge di bilancio, Locatelli e Baroncini (Anci) a sostegno dell’ippica: “No a riduzione finanziamento per società di corse”
Articolo successivoPMI creative, istituito fondo da 40 milioni: agevolazioni previste anche per attività d’impresa dirette allo sviluppo dei videogiochi