Il Direttore Generale di ADM Marcello Minenna si è recato oggi, presso la Città Ecosolidale di Roma, per accompagnare la consegna alla Comunità di Sant’Egidio di vestiario e scarpe, derivanti da sequestri effettuati dall’Agenzia, che altrimenti sarebbero andati al macero.
“Siamo felici – ha dichiarato Marcello Minenna – di dare un piccolo contributo di ADM a questa realtà straordinaria, che per le prossime festività natalizie si sta preparando alla consegna ai più bisognosi di migliaia di pacchi dono. È a loro che va il nostro grazie più grande”. Ad accogliere la donazione di ADM il segretario generale della Comunità di Sant’Egidio ACAP onlus Cesare Zucconi e l’amministratore della Comunità Stefano Carmenati. “La pandemia ha messo a dura prova il tessuto sociale del nostro Paese – ha commentato Zucconi – come dimostra la crescita della povertà, ma anche l’impegno di Sant’Egidio per intercettare nuove richieste di aiuto. Solo a Roma, in un anno, la Comunità è passata da 3 a 28 centri di distribuzione, triplicando il numero dei pacchi alimentari donati a famiglie in difficoltà. Siamo grati ad ADM, con cui abbiamo sottoscritto un protocollo d’intesa, per aver contribuito in questo modo ai regali del Pranzo di Natale”. La Città Ecosolidale è un grande centro dove generi e oggetti di ogni tipo (dall’abito alla bigiotteria, dai giocattoli ai vecchi dischi) trovano un nuovo valore nella solidarietà. Ciò che può essere distribuito ai poveri vicini o lontani viene stoccato e poi consegnato. Ciò che può essere acquistato come modernariato e vintage viene venduto per contribuire a iniziative di cooperazione di Sant’Egidio. Per tutto il mese di dicembre la Città Ecosolidale sarà aperta al pubblico con orari prolungati per tante idee regalo che fanno bene: all’ambiente – i prodotti sono igienizzati e in ottimo stato – e ai più poveri, perché il ricavato delle vendite sostiene i pranzi di Natale della Comunità nel mondo.
Articolo precedenteConferenza Stato-Regioni convocata per giovedì: all’ordine del giorno il parere sui criteri di riparto del Fondo per il gioco d’azzardo patologico nel 2021
Articolo successivoEsport, HADO Italia aderisce alla FIDE: nel 2022 previsto il primo torneo competitivo del Bel Paese