Il personale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e i militari dell’Arma dei Carabinieri hanno posto sotto sequestro, nella tarda serata di sabato, un punto scommesse sul litorale romano.

Il dispositivo di intervento, coordinato dall’Ufficio Controlli Giochi della Direzione centrale Giochi, ed eseguito dal personale operante della Stazione Carabinieri di Vitinia e da quello degli Uffici centrali di ADM e dell’Ufficio Antifrode della Direzione territoriale IV, è l’epilogo di un’attività di monitoraggio da remoto presso le sale investigative dell’Agenzia, in corso da oltre un anno.

Il titolare è stato oggetto di deferimento all’Autorità giudiziaria per reati penali. Entrati in azione, uomini e donne di ADM e dei Carabinieri hanno riscontrato numerose violazioni di legge nel settore del gioco pubblico: la presenza di due minori nel locale, l’assenza di formule di avvertimento e di materiale informativo per contrastare il gioco patologico, computer già preimpostati e reindirizzati su siti di gioco e giocate non riconducibili ai titolari dei conti utilizzati.

Si è quindi proceduto al sequestro penale di tutta l’area destinata al gioco e a quello di 5 personal computer.