Merkur UK ha esteso il suo programma di gioco d’azzardo più sicuro per supportare un programma di ricerca accademica che cercherà di comprendere le tendenze dominanti nel rapporto tra gioco e gioco d’azzardo. La ricerca prenderà in considerazione le differenze tra il gioco d’azzardo Web2 e quello Web3, includerà un’analisi delle caratteristiche, piattaforme, attività ed esperienze specifiche del gioco d’azzardo Web3, considerazioni sui diversi tipi di clienti, consapevolezza del cliente e su come ciò potrebbe influenzare il comportamento oltre a fornire un contrasto tra il contesto del gioco e del gioco d’azzardo con altre attività e piattaforme Web3.

Merkur UK sta svolgendo un ruolo importante nel supportare la ricerca che aiuterà la società più ampia a comprendere la relazione tra gioco e gioco d’azzardo, la transizione al Web3 e le sue implicazioni sulla salute mentale. Il lavoro è guidato da ESG Gaming, la Corporate Community Interest Company senza fini di lucro fondata da Lee Willows, con i risultati della ricerca che dovrebbero essere presentati a un Simposio parlamentare nel secondo trimestre del 2023.

Spiegando l’importanza e l’attualità dell’iniziativa Lee Willows ha affermato: “I videogiochi sono una delle attività ricreative più apprezzate da adulti e giovani. Gli eSport – definiti come videogiochi competitivi guidati dagli spettatori e giocati dai professionisti – hanno ora più di 470 milioni di spettatori in tutto il mondo che sono in grado di scommettere sull’esito di un evento in un modo simile alle scommesse sportive. Di conseguenza, il rischio è che i giovani siano attratti dal gioco. Nel 2020, il 17% dei giocatori di eSport aveva un’età compresa tra i 18 e i 24 anni e la maggioranza era classificata come ‘giocatore per la prima volta’. Questa situazione è aggravata dal fatto che coloro che scelgono di giocare d’azzardo non si percepiscono come giocatori d’azzardo tradizionali. Esistono alcune buone ricerche in merito, ma vorremmo contribuire facendo un passo avanti, considerando anche come Web3 potrebbe cambiare il comportamento, il che consentirà a organizzazioni come ESG Gaming di reimmaginare la prevenzione e il supporto. Abbiamo stabilito una struttura di governance indipendente, poiché l’iniziativa e il supporto di Merkur UK consentiranno a ESG Gaming di intraprendere ricerche tempestive e mirate che verranno quindi utilizzate per co-sviluppare contenuti digitali con partner rivolti direttamente ai giocatori occasionali per ridurre i danni. Merkur UK, attraverso il suo impattante ‘360 Program’, ha stabilito uno standard elevato in termini di implementazione di giochi d’azzardo più sicuri per il settore AGC terrestre e questo è per noi una naturale evoluzione di quel lavoro”.

Sascha Blodau (foto), direttore generale di Merkur UK, crede nell’importanza di adottare un approccio ampio per un gioco d’azzardo più sicuro. Queste le sue parole: “La maggior parte degli osservatori del settore vedrà il gioco d’azzardo più sicuro attraverso il prisma degli uffici di scommesse online autorizzati, dei casinò o dei centri di intrattenimento per i giochi di strada. Tuttavia, esiste una significativa fascia demografica di giocatori che sono a rischio ma che non si riconoscono nemmeno come giocatori d’azzardo. Supportare ESG Gaming per intraprendere questa ricerca pionieristica con il loro partner accademico costituirà la base di un autentico programma digitale di sensibilizzazione per interagire con giocatori e spettatori ad alto rischio allo stesso modo. Ci consentirà inoltre di reimmaginare iniziative di gioco d’azzardo più sicure mentre il mondo passa al Web3. Si preannuncia un lavoro importante e illuminante, condotto da esperti, e siamo lieti di sostenerlo”.

Articolo precedenteFoligno (PG): ADM e Comune siglano protocollo per lotta alla produzione e al commercio di beni contraffatti
Articolo successivoFisco. In Spagna le vincite al gioco online fino a 300 euro vanno dichiarate