“Le entrate tributarie e contributive nel periodo Gennaio-Settembre 2022 mostrano nel complesso una crescita di 54.011 milioni di euro (+10,4 per cento) rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente. La dinamica osservata è la risultante della variazione positiva delle entrate tributarie (+41.800 milioni di euro, +12,1 per cento) e della crescita, in termini di cassa, delle entrate contributive (+12.211 milioni di euro, +7,0 per cento)”. E’ quanto rende noto il Mef nel consueto bollettino mensile sull’andamento delle entrate tributarie e contributive.

“Le entrate di lotto, lotterie e altre attività di gioco – prosegue il report in riferimento alle entrate tributarie del bilancio dello Stato (competenza giuridica) – ammontano a 10.235 milioni di euro registrando un aumento pari a 2.175 milioni di euro (+27,0 per cento) per l’incremento della componente del Preu (+3.167 milioni di euro) dovuto alla chiusura, nel periodo Gennaio-Giugno dello scorso anno, delle sale gioco, scommesse, bingo, casinò e delle slot machine per il contenimento dell’ondata pandemica. Risulta in diminuzione di 735 milioni di euro (-12,2 per cento) il gettito del gioco del lotto“.

“Le poste correttive nei primi nove mesi del 2022 – evidenzia ancora il Mef – sono risultate pari a 41.319 milioni di euro, in crescita rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno (+3.117 milioni di euro, +8,2 per cento). In aumento le compensazioni relative alle imposte dirette (+660 milioni di euro, +3,6 per cento), le compensazioni relative alle imposte indirette (+3.167 milioni di euro, +22,6 per cento). In flessione quelle riferite agli enti territoriali (-48 milioni di euro, -5,8 per cento). Le vincite registrano una diminuzione (-662 milioni di euro, -12,8 per cento) collegata alla flessione delle entrate del gioco del lotto“.

___________________

  • Le entrate tributarie esaminate nel presente rapporto sono tutte quelle che possono essere monitorate mensilmente: i capitoli del bilancio dello Stato, le entrate da attività di accertamento e controllo incassate, le compensazioni d’imposta, le vincite al lotto, l’IRAP e l’addizionale regionale e comunale all’IRPEF. Il criterio di classificazione di riferimento è la competenza economica secondo le regole del SEC2010 e l’indicatore di riferimento è il deficit monitorato ai fini del rispetto del Patto di Stabilità sottoscritto dai Paesi dell’Unione Europea.
  • Compensazioni d’imposta e vincite lotto sono poste correttive poiché, sottratte al gettito complessivo, nettizzano le entrate tributarie secondo i principi della contabilità nazionale.
Articolo precedenteSN4IFUN, un podcast in 10 puntate per raccontare il mondiale di calcio: conducono Massimo Caputi e Adriano Bacconi
Articolo successivoLan-Gate, Esport Palace a rischio chiusura. Il titolare: “Situazione inaccettabile, presentato ricorso al Tribunale di Bergamo”