“Il Covid-19 ha avuto un impatto devastante sul nostro settore e l’Agenzia lo ha dovuto gestire. Per il comparto è un momento veramente difficile, se oggi siamo qui a parlare di futuro e progetti è perchè Adm non si è limitata a fare quello che doveva, ma ha deciso di fare quello che serviva per superare la crisi”. Lo ha detto il CEO di Sisal, Francesco Durante, durante la presentazione del Libro Blu 2021 di ADM.

“Ci sono stati 3 passaggi, svolti dall’Agenzia, che hanno permesso al settore di superare la pandemia: il primo è stato quello di attivare il Copregi per la repressione dell’illegalità, il secondo è stato quello di essere protagonista per la ripaertura dei punti vendita, c’è stato infatti un enorme lavoro dei sensibilizzazione, il terzo passaggio si è avuto a giugno di quest’anno, quando con le concessioni in scadenza il parlamento non ha ritenuto opportuno fare un provvedimento di proroga, da questo punto di vista Adm si è presa l’onere di far partire un’istruttoria che ha portato poi a una proroga, che è quella che ci sta consentendo oggi di lavorare. Quello che ci auguriamo è che si possa guardare al settore senza ideologie e pregiudizi, discutendo finalmente di come consentire agli italiani di esercitare il diritto di giocare in sicurezza. Rispetto a molti altri paesi, infatti, in Italia c’è un pregiudizio che si è radicato negli ultimi anni e che richiederà un grandissimo lavoro di sensibilizzazione da parte nostra e delle istituzioni per far capire quali sono i vantaggi del gioco legale, che nel nostro paese gode di una regolamentazione invidiata da tutta Europa”, ha concluso Durante.

Articolo precedenteSu CasinoMania è arrivato un Halloween Fuori di Zucca 
Articolo successivoLibro Blu 2021, Schiavolin (Snaitech): “Operato ADM sapiente e intraprendente. Reputation del comparto? Problema da risolvere”