“L’amministrazione ha contribuito a far navigare, in un periodo particolarmente difficile, un’industria molto sensibile come quella dei giochi. Gli va riconosciuto di essere stata in grado di adottare due registri, uno di breve e uno di medio-lungo periodo. Nel breve periodo ha sintetizzato con grande pragmatismo la tutela della salute pubblica e contestualmetne le esigenze di un’industria che era chiusa. Nel medio-lungo periodo, dato che è emersa molta illegalità, l’amministrazione ha rappresentato un ruolo di sintesi e leadership nell’aprire un percorso nuovo”. Lo ha detto il CEO di Global Lottery IGT, Fabio Cairoli, durante la presentazione del Libro Blu 2021 di ADM.

“Questa industria ha passato un decennio a confrontarsi con una scuola di pensiero proibizionista, oggi, dopo due anni, grazie al ruolo dell’amministrazione l’atteggiamento è molto diverso, si parla di più della capacità di presidiare la legalità e le componenti responsabili del consumo, e questo posiziona l’industria molto meglio in ottica futura. Abbiamo sofferto i mesi della chiusura, la pandemia e la discontinuità che abbiamo vissuto come azienda ci hanno portato a riflettere ancora di più sulle persone, sulla responsabilità, sulla sostenibilità e sul concetto di innovazione e trasformazione tecnologica. Oggi, come azienda e come industria, siamo molto più sensibili su questi argomenti. Guardando avanti le parole chiave sono semplificazione, sostenibilità e trasformazione digitale, temi sui quali ci si confronta da tempo con l’amministrazione”, ha concluso Cairoli.

Articolo precedenteLibro Blu 2021, Angelozzi (Lottomatica): “Giochi, il boom dell’illegale è figlio della pandemia”
Articolo successivoLibro Blu 2021, Cardia (Acadi): “Giochi, servono sviluppo equilibrato dell’offerta e lotta senza quartiere alla questione territoriale”