Assolto il titolare di due sale bingo in provincia di Caserta, che era accusato di intestazione fittizia di beni e riciclaggio, reati aggravati dall’aver favorito il clan dei Casalesi. Questa la decisione della terza sezione penale collegiale del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, presieduta dal giudice Luciana Crisci. Con l’uomo sono stati assolti anche tre dei suoi collaboratori. Lo riporta casertanews.it.

Articolo precedenteArrivano i buoni spesa a Cisternino (BR), ma non potranno essere impiegati per giochi in denaro
Articolo successivoIl Cts chiede di prorogare lo stato d’emergenza fino al 31 luglio. ‘Zone bianche’ ancora lontane