Non si spegne il clamore sulle due importanti sanzioni comminate da Agcom per la violazione delle norme sulla pubblicità adl gioco d’azzardo. La prima a Google, quale proprietario di Youtube, dove erano ospitati video e interi canali che violano il Decreto Dignità pubblicizzando casinò on line e gioco d’azzardo, e una alla società Top ADS, creatrice dei video e proprietaria di 5 canali in tema.

“Abbiamo ordinato la rimozione di 625 contenuti illeciti e, per la prima volta, inibito la diffusione e il caricamento di video analoghi”, spiega Elisa Giomi, commissario AGCOM.
“Si tratta di iniziative significative anche sul piano del diritto. Di norma, è molto difficile intervenire contro le piattaforme online come Youtube, che si difendono qualificandosi come semplici intermediari, “veicoli” privi di responsabilità editoriale sui contenuti che pubblicano, e che sono generati da altri (“hosting provider passivi” nel gergo della giurisprudenza europea).
Il Decreto Dignità, però, consente di considerare diretti responsabili “i proprietari del mezzo o del sito di diffusione o destinazione”, come Google rispetto a YouTube. Mira in tal modo a contrastare la ludopatia con ogni mezzo possibile. E noi siamo lieti di aver dato il nostro contributo”.

Articolo precedenteNew home new life: alcuni consigli per affrontare al meglio la compravendita
Articolo successivoGiochi. Sadusky (CEO IGT): “L’Italia sta superando la difficile fase delle restrizioni da COVID. Innovazione e ottimizzazione dell’offerta sono fondamentali”