Nei locali della sua associazione culturale erano stati sorpresi diversi cinesi a giocare d’azzardo e gli inquirenti, al termine del blitz, lo avevano sequestrato accusando il legale rappresentante di gestire la bisca e agevolare il gioco illegale. L’uomo dopo aver…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati