Germania, gli operatori sfidano il divieto di prossimità delle scommesse sportive

La corte costituzionale dello stato tedesco del Baden-Württemberg esaminerà il caso di quattro operatori che contestano il divieto di gestire strutture per scommesse sportive nello stesso edificio dei casinò e delle sale da gioco.

L’articolo 21 (2) del primo trattato statale tedesco sul gioco d’azzardo (GlüStV) vieta che le scommesse sportive e le attività dei casinò abbiano luogo nello stesso edificio. Il quarto trattato statale tedesco sul gioco d’azzardo è entrato in vigore nel luglio 2021. La denuncia afferma che i tribunali amministrativi non hanno fornito una protezione adeguata agli operatori che avevano impianti di scommesse sportive nello stesso edificio delle attività del casinò, quando è stato emanato il GlüStV e, successivamente, l’articolo 21, paragrafo 2. La denuncia cita anche la mancanza di protezione temporanea. La sezione 42 (1) della LGüG – legge statale sul gioco d’azzardo del Baden-Württemberg, introdotta nel 2012 – afferma che le strutture per il gioco d’azzardo devono essere distanti almeno 500 metri, misurate tra le porte d’ingresso. La denuncia sarà discussa il 21 novembre 2022 presso il Tribunale regionale superiore di Stoccarda.

Articolo precedenteElezioni, la Lega Piemonte incontra i cittadini ad Alessandria: tra i presenti anche rappresentanti di As.Tro e Sapar e altri operatori dell’intrattenimento
Articolo successivoTuscania (VT), Battistoni (Mipaaf): “Cavalli d’Autunno, Ministero punta a sostenere filiera ippica”