A venti anni dalla sua fondazione in Londra, il noto sviluppatore di contenuti di gioco, oggi tutto italiano, festeggia il suo 20° anniversario nello spettacolare scenario del 75° Festival di Cannes.

Durante le due passate edizioni del Festival erano già stati esaminati i profondi elementi di convergenza tra l’industria del gambling e quella del cinema, in tutti gli aspetti in cui si ispirano, si rappresentano a vicenda e condividono le maestranze in ambiti creativi e tecnici, al punto che, durante la precedente 73° edizione, il management di Espresso Games fu coinvolto dal regista-sceneggiatore e professore universitario Antonio Falduto, a rappresentare il gambling nel contesto del master  “Traduzione e adattamento delle opere audiovisive e multimediali per il doppiaggio e il sottotitolo” presso l’università UNINT di Roma.

Il red carpet di Cannes 2022 è stata una ritrovata occasione per Massimiliano Rizzo, CEO di ESPRESSO GAMES, di festeggiare 20 anni di successi del brand e per presentare l’aggiornamento del modulo “Linguaggio del Gambling online”, come parte del master universitario presieduto dal Professor Antonio Falduto. Il master si terrà a settembre, sempre presso l’università UNINT di Roma e avrà lo scopo di introdurre i neo laureati nella gambling entertaiment industry.

Nel merito, Tiziana Cannizzaro, Marketing Director del gruppo: “Abbiamo notato che il binomio gambling-cinema è fonte di innumerevoli e impensate opportunità e non poteva esserci una migliore cornice per ESPRESSO GAMES di festeggiare i sui 20 anni di vita al 75° Festival di Cannes, un ideale contesto dove il pensiero ludico-culturale della società ha avuto nuovamente modo di contribuire alla connessione tra questi due universi dell’ intrattenimento.”

La redazione di Jamma si unisce agli auguri e ai migliori auspici per Espresso Games, ancora una volta ambasciatrice di innovazione e di cultura etica del gioco.

Articolo precedenteOrientamento professionale e sviluppo tecnologico, un nuovo progetto di Microgame e UniSannio
Articolo successivoScommesse e PVR: le motivazioni assolutorie del Tribunale di Ragusa