Gli agenti del commissariato di Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli, con il supporto degli equipaggi del reparto Prevenzione crimine Campania, hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio.

Nel corso dell’attività sono state identificate 137 persone e controllati 73 veicoli; inoltre, i poliziotti hanno controllato e sottoposto a sequestro un’attività commerciale accertando che la titolare stava continuando ad esercitare illegalmente l’attività di bar e sala giochi nonostante l’ordinanza del Comune dello scorso 17 gennaio che ne aveva disposto la chiusura.

Il provvedimento era stato emesso su proposta degli agenti del commissariato di Castellammare poiché, in seguito ad un precedente controllo effettuato il 1° dicembre 2021, era emerso che la proprietà aveva effettuato la riduzione della superficie di vendita, la riduzione del settore merceologico dell’attività di bar esercitando abusivamente l’attività di sala giochi e per aver alterato lo stato dei luoghi, effettuando una diversa distribuzione degli spazi interni senza effettuare l’aggiornamento obbligatorio della Scia (segnalazione certificata di inizio attività).

Gli operatori hanno denunciato la titolare per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità ed hanno altresì denunciato un 27enne di Castellammare di Stabia per oltraggio e minacce a pubblico ufficiale poiché, durante il controllo, ha dato in escandescenze inveendo e minacciando i poliziotti.

Infine, i due sono stati sanzionati per inottemperanza alla normativa anti Covid-19, il giovane perché privo della mascherina, mentre la titolare poiché non si è preoccupata di fargli indossare il dispositivo di protezione individuale.

Articolo precedenteCasinò. Il COVID in Germania ha ridotto il fatturato del 41%, male i giochi classici (-62%)
Articolo successivoGiochi, Enada: prende forma il programma della 34ª edizione, tornano gli Esports Business Day