Luca Giacobbe

Oggi il Consiglio di Stato sezione 7a ha esaminato nel merito gli appelli proposti dai concessionari e associazioni del bingo (per ASCOB gli avvocati Matilde Tariciotti e Luca Giacobbe) per la riforma della sentenza del TAR Lazio che nel 2021 aveva ritenuto legittimo l’obbligo di pagamento del canone mensile per la conduzione in regime di proroga tecnica della concessione.

Il Consiglio di Stato ha approfondito i (nuovi) motivi legati alla incostituzionalità della norma di legge che ha disposto la proroga tecnica (ad oggi in vigore fino al marzo 2023) nonché i profili di compatibilità comunitaria di questo regime riguardo alla lesione della concorrenza e certezza del diritto.

Ricordiamo che la proroga tecnica è in vigore dal 2012 e che è improbabile che entro marzo 2023 l’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli pubblicherà il bando di gara in assenza del riordino dell’offerta di gioco più volte rimandata da tutte le forze politiche in Parlamento. Per lo scioglimento della riserva vista la complessità delle tematiche trattate la tempistica più probabile è di qualche settimana.

Articolo precedenteRegno Unito, licenza della National Lottery assegnata ufficialmente ad Allwyn
Articolo successivoGratta e Vinci regala 300mila euro a Terni