Arena Racing Company (“ARC”), il più grande gruppo di corse britannico, ha completato l’acquisizione di Vermantia, leader nella tecnologia di distribuzione di contenuti omnichannel.  

L’acquisizione si allinea pienamente alla strategia di ARC di investire per costruire tecnologie integrate verticalmente, dai contenuti alla trasmissione e alla distribuzione, creando un’offerta unica nelle corse globali e non solo, attraverso il portafoglio di prodotti di Vermantia.

Vermantia continuerà a sviluppare la sua linea di prodotto, ad entrare in nuovi mercati e ad espandere la sua presenza in quelli esistenti, portando la sua attività alla fase successiva e rafforzando ulteriormente la sua leadership nelle tecnologie di distribuzione dei contenuti. 

A seguito del completamento, Vermantia ha confermato il suo nuovo team di leadership esecutiva, con l’ex COO di Vermantia George Fotopoulos a guidare l’azienda nel ruolo di CEO, mentre il fondatore di Vermantia Filippos Antonopoulos agirà come consulente strategico per ARC. Anche Mark Kingston, direttore di Media Technology & Production di ARC, entrerà a far parte del consiglio di amministrazione di Vermantia.

Mark Kingston, Direttore di Media Technology & Production di ARC, ha commentato: “ARC è stato uno dei principali azionisti dell’azienda Vermantia per diversi anni e il completamento dell’acquisizione dell’attività riflette l’impegno dei Gruppi a far crescere il business della distribuzione dei contenuti”.

Filippos Antonopoulos, fondatore di Vermantia, ha dichiarato: “Questa combinazione riconosce il lavoro svolto dal nostro team negli ultimi anni attraverso il suo impegno nell’innovazione dei contenuti omnichannel e delle tecnologie di distribuzione, nonché nell’espansione internazionale di Vermantia. Siamo lieti di entrare a far parte di ARC e di elevare ulteriormente la leadership di Vermantia grazie alla sua scala”. 

George Fotopoulos, CEO di Vermantia, ha aggiunto: “L’unione completa delle forze con ARC è il riconoscimento della potenza delle soluzioni di Vermantia e del suo impegno a fornire tecnologie all’avanguardia all’intero settore del gioco. Ci sono numerose sinergie di prodotto tra le due aziende e stiamo andando avanti, con l’intenzione di formare un potente business che sblocca diversi nuovi progetti e un approccio nuovo di zecca ai diritti dei media e alla trasmissione”.  

Informazioni su Arena Racing Company: 

Arena Racing Company (“ARC”) è il più grande gestore di ippodromi del Regno Unito e comprende i seguenti sedici ippodromi: Bath, Brighton, Chepstow, Doncaster, Ffos Las, Fontwell Park, Great Yarmouth, Hereford, Lingfield Park, Newcastle, Royal Windsor, Sedgefield, Southwell, Uttoxeter, Wolverhampton e Worcester. Oltre agli ippodromi, ARC possiede Central Park, Newcastle, Nottingham, Sunderland e Perry Barr Greyhound Stadia e cura gli interessi mediatici del Greyhound Media Group (“GMG”). Nel 2015, ARC ha creato The Racing Partnership. Questa società a responsabilità limitata rappresenta i diriG [email protected] dei 16 ippodromi di proprietà di ARC e di quaEro ippodromi indipendenti, Hexham, Newton Abbot, Plumpton e Ripon. ARC è azionista di Sky Sports Racing e Premier Greyhound Racing.

Informazioni su Vermantia:

Vermantia è leader nelle soluzioni di contenuto omnicanale per gli operatori di lotterie, giochi e scommesse di tutto il mondo. L’azienda costituisce uno sportello unico di [email protected] e immagini con migliaia di corse ed eventi sportivi dal vivo all’anno, integrati dal portafoglio più completo di sport virtuali e giochi di nuova generazione sul mercato. Fondata nel 2007, l’azienda ha uffici ad Atene, Cipro e Italia, oltre a rappresentanti nel Regno Unito, nella CSI e in Nigeria, che le consentono di collaborare con decine di operatori internazionali in 32 Paesi.

Articolo precedenteManovra 2023. Bozza: aumento prelievo sulle vincite dei giochi e proroga onerosa delle concessioni. Per le slot scadenza al 2024
Articolo successivoGiochi. Agenzia delle Entrate contesta a gestore di sala detrazione forfettaria dell’Iva, la Cassazione la condanna alle spese di giudizio: va dimostrata la violazione