“Il gioco legale è un settore importante, controllato dallo Stato. Porta 8 miliardi di entrate allo Stato sotto forma di gettito. È un settore che garantisce regole e controllo ai cittadini”. E’ quanto dichiarato da Guglielmo Angelozzi (nella foto), ad di Lottomatica, in occasione della presentazione del primo numero dell’Osservatorio permanente Censis-Lottomatica sul gioco legale in Italia.

“Dove ci sono regole c’è meno spazio per il gioco l’illegale. Lo abbiamo visto nel corso del lockdown quando c’è stata una esplosione del gioco irregolare. È un settore che merita attenzione e va studiato e monitorato”, ha aggiunto Angelozzi.

Parlando delle dimensioni del mercato del gioco l’ad di Lottomatica ha detto che “in un anno ‘normale’ la spesa è di oltre 20 miliardi di euro e lo Stato prende circa la metà. Va aggiunta la tassa di reddito di impresa e l’IVA. Il gettito diretto del gioco sarebbe stato più che sufficiente per finanziare tutte le attività culturali in Italia. Il PNRR, al capitolo salute, destina circa 8 miliardi di euro. Questo ci dovrebbe far riflettere sul portato di un settore che garantisce oltretutto una cultura della legalità”.

Articolo precedenteMinenna (ADM): “La regolazione del gioco pubblico ci permette di prevenire qualsiasi patologia o approccio problematico all’offerta”
Articolo successivoGiochi, Freni (Mef): “Ho scritto al presidente Fedriga una lettera in cui chiedo a tutti i governatori regionali di soprassedere su leggi proibizioniste”