Oltre 1.400 biglietti delle lotterie istantanee “Gratta & Vinci” sequestrati nei giorni scorsi in un centro della provincia di Catania, in esito a un intervento ispettivo effettuato dai funzionari ADM della sede operativa di Messina.
La verifica è stata effettuata presso un esercizio al cui interno venivano ampiamente pubblicizzati e
offerti in vendita tagliandi “Gratta & Vinci” in assenza del prescritto contratto di autorizzazione allo svolgimento dell’attività di gioco con il concessionario.
Grazie all’attività di intelligence della Direzione Centrale Giochi di Roma, che ha segnalato l’anomalia di gioco effettuato nell’esercizio, il personale dell’Agenzia, in collaborazione con l’azienda “Lotterie Nazionali”, ha ricostruito il flusso irregolare che consentiva all’esercente di trasferire i tagliandi per la vendita da un esercizio commerciale autorizzato, ubicato in altro Comune, al punto vendita non in regola con le disposizioni vigenti.
A seguito del sequestro per le difformità emerse, i controlli si sono conclusi con la trasmissione del verbale delle operazioni compiute ai competenti uffici per la contestazione e l’applicazione delle relative sanzioni.

Articolo precedenteEsports, Sapar: “Il gioco si evolve con la teconolgia”
Articolo successivoBelgio, il sistema di autoesclusione dal gioco applicato anche nei negozi di scommesse